Il futuro è sociale

«La discussione sulla Legge di Bilancio 2017-19 offre l’occasione per riflettere sul ruolo di Pubblica Amministrazione, Enti Locali e Terzo Settore rispetto al welfare sociale in Italia e sugli investimenti necessari a renderlo effettivo ed efficace. Dopo anni, infatti, il welfare è tornato nell’agenda politica, ma manca ancora una reale lotta alla crescita delle diseguaglianze e un “piano industriale” del complesso del sistema di welfare»: il Forum Nazionale del Terzo Settore presenta così il confronto con il Governo, i Sindacati e le Istituzioni Locali, promosso per il 26 ottobre a Roma

Locandina di "Il futuro è sociale", Roma, 26 ottobre 2016«La discussione circa la Legge di Bilancio 2017-19 – viene sottolineato dal Forum Nazionale del Terzo Settore – offre l’occasione per riflettere sul welfare sociale nel nostro Paese, sul ruolo che giocano Pubblica Amministrazione, Enti Locali e Terzo Settore e sugli investimenti necessari a renderlo effettivo ed efficace. Dopo anni, infatti, il welfare sembra essere finalmente tornato nell’agenda politica: dalla Legga Delega sulla Povertà, al Fondo Povertà Educativa, dal Piano Infanzia e Adolescenza, al Fondo Non Autosufficienza, alla campagna Homeless Zero. Quello che però ancora manca è una reale lotta alla crescita delle diseguaglianze – come indicato dagli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile -, e un “piano industriale” del complesso del sistema di welfare, che ci faccia uscire dall’equazione “sociale=emergenza”».

Su tali temi, il Forum Nazionale del Terzo Settore ha elaborato anche un nuovo appello, intitolato Il futuro è sociale – Insieme per un “piano industriale” del welfare e promuoverà per il 26 ottobre a Roma (Città dell’Altra Economia, Largo Dino Frisullo, ore 9-13), la nuova edizione di un incontro già proposto alla fine dello scorso anno, che si intitolerà anch’esso Il futuro è sociale, preziosa occasione di confronto e approfondimento rispetto alle sue proposte, con il Governo, i Sindacati e le Istituzioni Locali.

Introdotti e moderati da Pietro Barbieri, portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore, i lavori verranno aperti da Massimo Novarino dell’Ufficio Studi del Forum stesso (Il welfare sociale: lo stato dell’arte), seguito da Francesco Petrelli, portavoce di Concord Italia (Diseguaglianze e fisco in Europa), Stefano Tassinari, coordinatore della Consulta Welfare presso il Forum (L’appello del Forum), Gianfranco Marocchi, direttore di «Welfare Oggi» (I nodi aperti del welfare) e Carlo Giacobini, direttore editoriale di «Superando.it» e responsabile del Servizio HandyLex.org (Politiche per la non autosufficienza: dalla frammentazione alla pianificazione).

Seguirà una tavola rotonda cui interverranno Rita Visini, della Commissione Politiche Sociali della Conferenza delle Regioni e Province Autonome, assessore alle Politiche Sociali della Regione Lazio; Edi Cicchi, presidente della Commissione Welfare dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), assessore ai Servizi Sociali del Comune di Perugia; Maurizio Bernava, segretario confederale per le Politiche Sociali della CISL; Stefano Cecconi,  responsabile delle Politiche della Salute della CGIL; Francesco Maria Gennaro, responsabile delle Politiche del Sociale, della Salute e del Terzo Settore della UIL; Giovanni Lattanzi, capo della Segreteria Tecnica del Sottosegretario Nannicini alla Presidenza del Consiglio.
All’incontro, inoltre, parteciperà anche Giuliano Poletti, ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: stampa@forumterzosettore.it (Anna Monterubbianesi).

Stampa questo articolo