Terremoto e persone con disabilità: gli ausili e l’assistenza

Attraverso le proprie Sezioni locali, la UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) offre la propria disponibilità a supportare le persone con disabilità, insieme ai loro familiari, coinvolte nella drammatica situazione legata ai terremoti che in questi giorni hanno colpito e continuano a colpire le Regioni del Centro Italia. In una Sezione della UILDM come quella di Teramo, ad esempio, vengono forniti a chi ne abbia necessità, in accordo con la Protezione Civile locale, gli ausili e l’assistenza necessari per mantenere la propria autonomia quotidiana

Terremoto nel Centro Italia, 26 e 30 ottobre 2016

Una delle tante drammatiche immagini di questi giorni, riguardanti l’ondata sismica che sta colpendo il Centro Italia

Va certamente segnalata la disponibilità offerta dalla UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), a supportare – attraverso le proprie Sezioni locali – le persone con malattie neuromuscolari e con disabilità in genere, insieme ai loro familiari, coinvolte nella drammatica situazione legata ai terremoti che in questi giorni hanno colpito e continuano a colpire le Regioni del Centro Italia.

«Dopo il terribile sisma del 24 agosto scorso – si legge infatti in una nota diffusa dalla UILDM Nazionale – che ha devastato molte zone dell’Italia Centrale, il 26 e 30 ottobre altre violente scosse di terremoto hanno sconvolto nuovamente le aree e le popolazioni di Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo, portando distruzione e danni ingenti in molte località. Dopo questi ulteriori episodi, oltre ad esprimere nuovamente la nostra vicinanza e solidarietà a tutti i cittadini coinvolti in questa drammatica esperienza, che hanno subìto perdite o danneggiamenti a causa del sisma, ci rivolgiamo anche direttamente alle persone con malattie neuromuscolari e con disabilità e ai loro familiari, per offrire loro tutto il nostro incondizionato aiuto a livello nazionale e attraverso l’azione delle nostre Sezioni presenti nelle zone interessate dal sisma».
«Uno degli esempi che vogliamo segnalare in tal senso – conclude la nota della UILDM – è quello della nostra Sezione di Teramo che, in accordo con la Protezione Civile locale, già nelle precedenti occasioni aveva offerto e offre anche ora, a chi ne abbia necessità, gli ausili e l’assistenza necessari per permettere alle persone con limitata mobilità di mantenere la propria autonomia quotidiana». (S.B.)

Per qualsiasi necessità legata agli eventi sismici del Centro Italia, la UILDM Nazionale mette a disposizione il proprio numero telefonico (049 8021001) e il proprio recapito di posta elettronica (direzionenazionale@uildm.it), per indirizzare le persone alla Sezione più vicina dell’Associazione.

Stampa questo articolo