L’inclusione, dentro e fuori gli spazi dell’apprendimento

In un clima definito come “polifonico”, perché «solo a più voci è possibile accogliere e mantenere la promessa di un mondo migliore, a partire dai luoghi della crescita di tutti e di ciascuna persona», si terrà a Padova, dal 10 al 12 novembre, l’evento “Inclusive Design Weekend. School Design & Universal Design in dialogo”, promosso dall’Ateneo locale e dall’Ordine degli Architetti, «per lanciare una sfida che vada oltre l’emergenza della (ri)costruzione “sicura” degli spazi dell’apprendimento, immaginando un nuovo design per il cambiamento e la costruzione di società fiorenti e pacifiche»

Logo di "Inclusive Design Weekend", Padova, 10-12 novembre 2016«La prospettiva di sfondo e anche l’aspirazione cui tendono queste giornate è quella di costruire un progetto interdisciplinare condiviso, sostenuto da un impegno inclusivo, capace di lanciare una sfida che vada oltre l’emergenza della (ri)costruzione “sicura” degli spazi dell’apprendimento, per immaginare un nuovo design per il cambiamento e la costruzione di società fiorenti e pacifiche. I principi dell’Universal Design [“progettazione universale”, N.d.R.] rappresentano una provocazione importante che l’Università e il mondo della ricerca, della produzione e delle professioni non possono eludere, sia in termini di politiche che di culture e pratiche inclusive, per la promozione di uno sviluppo umano volto al ben-stare e ben-diventare. Il clima proposto è quello del dialogo, anzi della “polifonia”, perché solo a più voci è possibile accogliere e mantenere la promessa di un mondo migliore, a partire dai luoghi della crescita di tutti e di ciascuna persona».

Viene presentato così l’interessante evento in programma da giovedì 10 a sabato 12 novembre a Padova (Auditorium dell’Orto Botanico), intitolato Inclusive Design Weekend. School Design & Universal Design in dialogo, una tre giorni quanto mai interessante, promossa dal Dipartimento FISPPA (Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata) e dal Corso di Dottorato in Scienze Pedagogiche, dell’Educazione e della Formazione dell’Università di Padova, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Padova, avvalendosi altresì del patrocinio del Centro di Ateneo per la Disabilità e l’Inclusione dell’Università di Padova, dell’ANCE Veneto (Associazione Nazionale Costruttori Edili), dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto, di UrbanMeta, della Fondazione Barbara Cappochin e della SIPES (Società Italiana di Pedagogia Speciale).

Guidati dalla responsabile scientifica Marina Santi (Dipartimento FISPPA dell’Università di Padova), i lavori si articoleranno su tre distinti programmi, corrispondenti a ciascuna delle giornate previste. La prima, infatti, sarà centrata sullo School Design Day, la seconda sull’Univrsal Design Day e la terza sull’Universal Design Innovation Day.
Rimandando i Lettori al programma completo dell’evento, segnaliamo qui la presenza, tra i numerosi, autorevoli relatori, anche di alcune figure ben note a chi frequenta le pagine di «Superando.it», quali Laura Nota, delegata per l’Inclusione e la Disabilità dell’Università di Padova, Lucia Baracco e Flavio Fogarolo, presidente e vicepresidente dell’Associazione Lettura Agevolata. (S.B.)

Sono disponibili, in una specifica pagina web, tutte le notizie e gli approfondimenti sulla tre giorni di Padova. Per ulteriori informazioni: Segreteria Organizzativa (Alioscia Miotto), alioscia.miotto@gmail.com.

Stampa questo articolo