Tutti sotto lo stesso cielo? Eguaglianza e Libertà

Si chiama così l’incontro in programma a Roma per il 26 novembre, centrato sulla “Carta dei Diritti Universali del Lavoro”, elaborata dal Sindacato CGIL, e soprattutto sull’ampia parte di essa dedicata alla disabilità. È prevista per l’occasione la partecipazione di autorevoli esponenti sindacali, quale Susanna Camusso, segretario generale della CGIL e di noti musicisti come Eugenio Bennato, oltre alla testimonianza diretta di alcuni lavoratori con disabilità

Donna in carrozzina al lavoro a una scrivaniaPresentata qualche tempo fa dal Sindacato CGIL, la Carta dei Diritti Universali del Lavoro, oggetto anche di una Proposta di Legge di Iniziativa Popolare, ai fini di un Nuovo Statuto delle Lavoratrici e dei Lavoratori, è sostanzialmente la riscrittura del diritto del lavoro in nome di un principio di uguaglianza che travalichi le varie forme e tipologie nelle quali esso si è diversificato e frammentato negli anni.
Il documento, e soprattutto l’ampia parte di esso dedicata alla disabilità, sarà al centro dell’incontro intitolato Tutti sotto lo stesso cielo? Eguaglianza e Libertà, in programma per sabato 26 novembre a Roma (Sala Tempio di Adriano, Piazza di Pietra, ore 10-13.30), tra interventi, testimonianze e momenti musicali.

Per la CGIL interverranno Susanna Camusso, segretario generale dell’organizzazione e Nina Daita, responsabile Nazionale dell’Ufficio Politiche per le Disabilità).
A condurre (e a cantare) la mattinata – che prevede alcune testimonianze di lavoratori con disabilità – sarà il noto musicista Eugenio Bennato ed è prevista anche la partecipazione del cantautore Edoardo De Angelis, dell’Associazione Culturale Fabrica e dei Disabilié, il gruppo di cui il nostro giornale si è già più volte occupato, composto da operatori e utenti con disabilità intellettiva del SAISH (Servizio per l’Autonomia e l’Integrazione Sociale della Persona Disabile) del Comune di Roma. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Sandro Paramatti (a.param@inwind.it); politichedisabilita@cgil.it.

Stampa questo articolo