Vedere e parlare con le mani

Un percorso multisensoriale accessibile, voluto per valorizzare l’eccellenza del proprio patrimonio artistico e storico, diffondendo al contempo la cultura dell’inclusione. Un’iniziativa rivolta a tutti i cittadini, con particolare attenzione a chi, a causa di disabilità sensoriali, ha delle difficoltà a cogliere la bellezza e la forma degli oggetti. È questa la realizzazione del Museo della Ceramica di Mondovì (Cuneo), nell’àmbito del Progetto “Vedere e parlare con le mani”, che verrà presentata il 2 dicembre, in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità

Museo della Ceramica di Mondovì (Cuneo)

Una sal del Museo della Ceramica di Mondovì (Cuneo)

L’occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità del 3 Dicembre sarà quella giusta, per il Museo della Ceramica di Mondovì (Cuneo), per presentare il nuovo percorso multisensoriale creato nell’àmbito del Progetto Vedere e parlare con le mani. Succederà nel corso di un incontro in programma presso la struttura monregalese, per venerdì 2 dicembre (ore 14).

«Abbiamo realizzato un percorso multisensoriale accessibile – spiegano dalla Fondazione Museo della Ceramica -, curato dalla Associazione Tactile Vision, per valorizzare l’eccellenza del patrimonio artistico e storico conservato presso la nostra struttura, diffondendo allo stesso tempo la cultura dell’inclusione. Il progetto Vedere e parlare con le mani, infatti, si rivolge a tutti i cittadini, con particolare attenzione a chi, a causa di disabilità sensoriali, ha delle difficoltà a cogliere la bellezza e la forma degli oggetti. Un progetto in grado non solo di ampliare l’offerta turistica monregalese, ma di dare anche un impulso positivo alla diffusione del turismo accessibile».

Aperto da Christiana Fissore, che dirige il Museo della Ceramica (Lo storico patrimonio del museo diventa accessibile a tutti), l’incontro del 2 dicembre prevede poi la partecipazione di Simone Zenini, presidente dell’UICI Provinciale (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) (Il diritto alla cultura per le persone con disabilità visiva), Anna Di Domizio dell’Associazione Interpreti LIS (Lingua italiana dei Segni) (Strategie e tecniche di traduzione LIS in ambito museale) e Rocco Rolli dell’Associazione Tactile Vision (Le nuove forme della comunicazione multisensoriale nel Museo della Ceramica). Seguirà una visita del percorso museale. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@tactilevision.it.

Stampa questo articolo