Le priorità che non dovranno venire meno

«Chiediamo al nuovo Governo di portare a termine una serie di importanti riforme sociali avviate, dal contrasto alla povertà assoluta, per costruire una misura nazionale, alle persone con disabilità e non autosufficienza, per realizzare uno specifico Piano, al divario culturale dei bambini e dei giovani del nostro Paese e per la Riforma del Terzo Settore, affinché essa liberi davvero le energie dei cittadini e del loro impegno civico». Lo dichiara Pietro Barbieri, portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore, subito dopo l’insediamento del nuovo Governo, presieduto da Paolo Gentiloni

Paolo Gentiloni

Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio del nuovo Governo

«Indirizziamo al nuovo Governo Gentiloni i nostri auguri per riuscire a portare a termine le importanti riforme sociali avviate, dal contrasto alla povertà assoluta, per costruire una misura nazionale, alle persone con disabilità e non autosufficienza, per realizzare uno specifico Piano, al divario culturale dei bambini e dei giovani del nostro Paese e per la Riforma del Terzo Settore, affinché essa liberi davvero le energie dei cittadini e del loro impegno civico».
Lo dichiara in una nota Pietro Barbieri, portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore – organismo cui aderisce anche la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) -, subito dopo l’insediamento del nuovo Governo, presieduto da Paolo Gentiloni.

«È sicuramente un segno positivo di continuità sul welfare e sul terzo settore – annota poi Barbieri – la nuova nomina del ministro Giuliano Poletti. Nel corso di questi quasi tre anni, infatti, e sin dall’inizio del suo mandato come ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, abbiamo avuto la possibilità di percorrere con lui un cammino fatto di confronti e dialogo, trovando un interlocutore attento, sensibile e disponibile all’ascolto delle nostre istanze». «Ci auguriamo inoltre – aggiunge – che anche Tommaso Nannicini possa essere riconfermato alla preziosa posizione che ha ricoperto alla Presidenza del Consiglio, poiché con costoro abbiamo avuto modo di collaborare proficuamente negli ultimi mesi, in particolare sul contrasto alla povertà assoluta e sul Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile».

«Auspicando quindi una collaborazione anche per il futuro – conclude il Portavoce del Forum – rimettiamo all’attenzione alcune priorità che per noi non dovranno venire meno in questo delicato passaggio di competenze: dalle politiche di welfare al Piano per il contrasto alla povertà e all’esclusione sociale che, come confermato dagli ultimi dati dell’ISTAT, diventa sempre più un’emergenza nazionale, all’urgenza di portare a termine la proposta avanzata dall’Alleanza contro la Povertà in Italia, che ci vede tra i promotori, sull’introduzione del REIS, il Reddito d’Inclusione Sociale per tutti i poveri assoluti, che sia accompagnato da un percorso di reinserimento socio-lavorativo, con adeguati servizi alla persona. Senza dimenticare evidentemente il lavoro fatto fino ad oggi sulla Riforma del Terzo Settore [Legge 106/16, N.d.R.], ancora in attesa della maggior parte dei Decreti Attuativi. Vogliamo in tal senso sottolineare la necessità di una forte motivazione e di tempi ragionevoli, per portare a termine il lavoro intrapreso». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: stampa@forumterzosettore.it (Anna Monterubbianesi).

Stampa questo articolo