Una stazione da rendere accessibile

È quella di Porto San Giorgio, nelle Marche, le cui barriere architettoniche sono state appunto al centro di un incontro con l’Amministrazione Comunale, sollecitato dall’Associazione Zero Gradini per Tutti, che prosegue dunque su un ulteriore fronte con il proprio impegno per il diritto all’accessibilità, nel segno di quanto sancito dalla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità

Binari della Stazione di Porto San Giorgio (Fermo)La sempre attiva Associazione Zero Gradini per Tutti di Porto San Giorgio (Fermo) ha incontrato nei giorni scorsi l’Amministrazione Comunale della propria città, iniziativa sollecitata dal proprio economo Gennaro Aletta, per discutere dell’abbattimento delle barriere architettoniche presenti nella stazione ferroviaria della località marchigiana.
In tal senso, Zero Gradini per Tutti prosegue su un ulteriore fronte con il proprio impegno per il diritto all’accessibilità, nel segno di quanto sancito dalla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, che proprio oggi, 13 dicembre, festeggia il proprio decennale.
Erano presenti all’incontro, da una parte il sindaco di Porto San Giorgio Nicola Loira e il presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Catalini, dall’altra il presidente di Zero Gradini per Tutti Saverio Verone, la vicepresidente Amedea Mei, il segretario Walter Cardarelli, il direttore Pasqualino Virgili, il già citato economo Gennaro Aletta, il consigliere Salvatore Prisco e il socio Matteo Reggiani. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Pasqualino Virgili (anna.pasquale@libero.it).

Stampa questo articolo