A tu per tu con Deborah Donadio

Sarà Deborah Donadio, giovane attrice, persona sorda, organizzatrice di “CineDeaf”, il festival internazionale dedicato al cinema sordo, oltreché coach della Lingua Italiana dei Segni per personaggi noti, la protagonista, il 16 dicembre, del nuovo appuntamento dei “Venerdì del Pendola”, cartellone di incontri dedicati a educazione, interpretariato, lingua e cultura sorda, organizzato nella città toscana dalla ONLUS MPDF (Mason Perkins Deafness Fund)

Deborah Donadio

Deborah Donadio

Nuovo appuntamento a Siena per I Venerdì del Pendola, cartellone di appuntamenti dedicato a educazione, interpretariato, lingua e cultura sorda, del quale il nostro giornale ha già avuto occasione di occuparsi in più occasioni, organizzato dalla ONLUS MPDF (Mason Perkins Deafness Fund) della città toscana, con il patrocinio dell’ENS locale (Ente Nazionale Sordi), dell’Azienda dei Servizi alla Persona (ASP), del Comune e della Provincia di Siena.

La protagonista dell’incontro di venerdì 16 dicembre (presso la sede di MPDF, Via Tommaso Pendola, 37, ore 15.30-17.30), inserito all’interno del calendario Tutto il Natale di Siena, sarà Deborah Donadio, giovane e poliedrica artista lucana, persona sorda impegnata di recente, grazie alla collaborazione dell’Istituto Statale per Sordi di Roma, nel cast dello spettacolo teatrale Figli di un Dio minore, su testo di Mark Medoff e regia di Marco Mattolini, del quale ha già scritto a su queste stesse pagine Claudio Arrigoni.
Donadio parlerà del proprio percorso come attrice e come organizzatrice di CineDeaf, festival internazionale dedicato al cinema sordo, ma anche come coach LIS per Valeria Golino e Chef Rubio, spiegando le specifiche e le prospettive di un ruolo nuovo e diverso rispetto a quella del docente di Lingua dei Segni. «Un percorso intenso e stimolante – spiegano dall’Associazione organizzatrice della giornata – che ha superato le barriere comunicative, per dare forma a nuovi sbocchi professionali in cui la Lingua dei Segni diventa protagonista». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: press@mpdfonlus.com (Luisa Carretti).

Stampa questo articolo