La Marca nel Centro di Coordinamento per lo Screening Neonatale

«Siamo lieti di sapere che sia stata scelta una persona così competente, che da tempo dirige il Laboratorio del Centro Screening del Meyer di Firenze, eccellenza italiana in materia»: così Ilaria Ciancaleoni Bartoli, direttore dell’OMAR (Osservatorio Malattie Rare), commenta la nomina di Giancarlo La Marca quale membro del Centro di Coordinamento di Screening Neonatale previsto dalla Legge 167/16 per lo screening metabolico allargato. Proprio l’OMAR aveva recentemente sottolineato la necessità, da parte del Ministro della Salute, di impegnarsi per una veloce applicazione di quella Legge

Giancarlo La Marca

Giancarlo La Marca dirige il Laboratorio di Screening Neonatale Allargato all’Ospedale Meyer di Firenze

La Conferenza Stato-Regioni ha deciso di nominare Giancarlo La Marca quale membro del Centro di Coordinamento di Screening Neonatale previsto dalla Legge 167/16 per lo screening metabolico allargato (Disposizioni in materia di accertamenti diagnostici neonatali obbligatori per la prevenzione e la cura delle malattie metaboliche ereditarie).
Specialista con consolidata esperienza nell’àmbito delle Malattie Rare, La Marca è attualmente direttore del Laboratorio Screening Neonatale Allargato dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Meyer di Firenze e vicepresidente della SIMMESN (Società Italiana per lo Studio delle Malattie Metaboliche Ereditarie e lo Screening Neonatale).
«Siamo davvero lieti di sapere che la scelta sia caduta su una persona così competente e che da tempo dirige il Laboratorio del Centro Screening che oggi rappresenta l’eccellenza italiana in materia»: questo il commento di Ilaria Ciancaleoni Bartoli, direttore dell’OMAR, l’Osservatorio Malattie Rare che proprio nei giorni scorsi, come avevamo riferito anche nel nostro giornale, aveva sottolineato la necessità, da parte del Ministro della Salute, di porre in essere rapidamente ogni atto necessario e di impegnarsi a vigilare sulla corretta applicazione della Legge 167/16, ritenuta fondamentale, «per garantire su tutto il territorio nazionale uniformità di accesso dei neonati al percorso di screening neonatale». (S.G.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@osservatoriomalattierare.it.

Stampa questo articolo