Giochi Special Olympics: l’essenza più pura dello sport

«I Giochi Nazionali Invernali Special Olympics – spiegano i responsabili del movimento sportivo dedicato alle persone con disabilità intellettiva – collocano in primo piano il valore e l’essenza più pura dello sport e delle gare, che rappresentano per i nostri atleti una sfida con se stessi e l’opportunità di una nuova conquista da un punto di vista sportivo, ma soprattutto umano». Domani, 7 febbraio, è in programma a Bormio (Sondrio) la cerimonia di apertura della ventottesima edizione della manifestazione, cui sono attesi 470 atleti, 112 tecnici, 300 volontari e circa 169 familiari

Manifesto dei XXVIII Giochi NazionaliInvernali Special OlympicsÈ in programma nel pomeriggio di domani, 7 febbraio, la cerimonia di apertura della XXVIII edizione dei Giochi Nazionali Invernali Special Olympics – il movimento internazionale dello sport praticato dalle persone con disabilità intellettiva – che tornano a Bormio (Sondrio) e nelle vicine Valdisotto e Valdidentro, dopo la positiva esperienza vissuta nel 2016, con la Valtellina che si prepara con lo stesso entusiasmo dello scorso anno ad accogliere 470 atleti, 112 tecnici, 300 volontari e circa 169 familiari.
Sci alpino, sci di fondo, corsa con le racchette da neve e snowboard: queste le discipline previste e sarà presente per l’occasione anche una delegazione proveniente dalla Svizzera.

«Il significato dell’evento – ricordano da Special Olympics Italia – va oltre la sana competizione sportiva. Infatti, attraverso un proficuo lavoro di sensibilizzazione nelle scuole e nelle comunità, vogliamo incidere sulla cultura del territorio, per affermare i valori della solidarietà e dell’integrazione, verso una società sempre più inclusiva».
In tal senso, le scuole di ogni ordine e grado del territorio sono state sensibilizzate e coinvolte nella manifestazione, partecipando anche, negli ultimi giorni di gennaio, al passaggio della torcia olimpica dei Giochi nei principali Comuni della Valtellina, ovvero al cosiddetto Torch Rune che ha visto un gruppo di tedofori, costituito da componenti delle Forze dell’Ordine e da appassionati locali di podismo, portare la torcia da un Comune all’altro, richiamando l’attenzione della popolazione, al fine di coinvolgerla attivamente nell’evento. Le scolaresche, inoltre, faranno la loro parte anche per l’accensione del tripode in Piazza Cavour/Kuerc a Bormio.

«Quando si affronta il tema della disabilità – sottolineano ancora da Special Olympics Italia -, nello specifico intellettiva, si ragiona spesso esclusivamente in termini di intervento sulla persona, analisi, classificazione e intervento educativo da adottare, così come, in riferimento all’attività sportiva, alla capacità di attivare in ogni individuo una costante crescita psicofisica. I Giochi Nazionali Invernali Special Olympics, da questo punto di vista, collocano in primo piano il valore e l’essenza più pura dello sport, delle gare e delle competizioni che rappresentano per gli atleti Special Olympics, in primo luogo, una sfida con se stessi, l’opportunità di una nuova conquista da un punto di vista sportivo, ma soprattutto umano. Notevole importanza, dall’altra parte, riveste anche il lavorare sui contesti, sull’ambiente, per creare le corrette condizioni di integrazione e inclusione, che consentano agli altri di scoprire il significato della diversità e dell’agire insieme, di costruire nuove competenze e consapevolezze che arricchiscano tutti coloro i quali vivono quel determinato contesto e consentano, altresì, di sviluppare e promuovere valori etici e culturali tesi al rispetto di ogni individuo e di ogni capacità. La “corsa della torcia” e il messaggio che essa porta con sé, ancor prima dell’inizio dei Giochi stessi, hanno un valore fondamentale, quello della coesione, del sentirsi parte integrante di un messaggio globale di inclusione, in grado di coinvolgere, come parte attiva, Istituzioni, Scuole, Famiglie e tutti gli abitanti della Valtellina». (S.B.)

In una pagina dedicata del sito di Special Olmpics Italia è disponibile il programma dettagliato dei XVIII Giochi Nazionali Invernali. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: redazione@specialolympics.it.

Stampa questo articolo