Prosegue la sua marcia il Progetto “Autismo: in viaggio attraverso l’aeroporto”

Dopo le analoghe iniziative attuate a Bari, Bergamo e Olbia, compie un altro importante passo in avanti il Progetto “Autismo: in viaggio attraverso l’aeroporto”, promosso dall’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile), per aiutare bambini e adulti con autismo ad accettare serenamente il viaggio aereo, permettendo loro di poter conoscere e anche visitare anticipatamente la realtà aeroportuale. Anche l’Aeroporto Internazionale di Napoli Capodichino, infatti, ha aderito al progetto, in collaborazione con la FISH Campania (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap)

Ragazzo con autismo sale a bordo di un aereo allo scalo di Napoli Capodichino

Un ragazzo con autismo sale a bordo di un aereo presso lo scalo di Napoli Capodichino

Dopo le analoghe iniziative attuate negli scali di Bari, Bergamo e Olbia, di cui avevamo già riferito, compie un altro importante passo in avanti il Progetto Autismo: in viaggio attraverso l’aeroporto, promosso dall’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile), avvalendosi di volta in volta della collaborazione di Enti e Associazioni locali, per aiutare bambini e adulti con autismo ad accettare serenamente il viaggio aereo, permettendo loro di poter conoscere e anche visitare anticipatamente la realtà aeroportuale. Anche l’Aeroporto Internazionale di Napoli Capodichino, infatti, ha aderito al progetto, in collaborazione, nello specifico, con la FISH Campania (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap).

Come informa dunque Daniele Romano, presidente della FISH Campania, «il percorso, dall’arrivo in aeroporto fino a bordo dell’aereo, viene illustrato tramite una brochure e anche un video, con immagini e semplici testi, che aiutano a conoscere in anticipo luoghi e procedure aeroportuali, riducendo così l’impatto emotivo che la nuova situazione può comportare, per affrontare il viaggio con maggiore serenità. Inoltre, con il supporto di personale opportunamente formato, sarà possibile visitare lo scalo napoletano nei giorni precedenti il viaggio, compilando uno specifico modulo di prenotazione, da inviare con un preavviso minimo di sette giorni rispetto alla data di partenza prevista. Le visite verranno organizzate dal lunedì al venerdì nella fascia oraria che va dalle 9 alle 16». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: aeroportoamico@gesac.it; federhand.fishcampania@gmail.com.

Stampa questo articolo