Donne in viaggio oltre le barriere della disabilità

Tutta questa settimana sarà dedicata alla seconda edizione di “Donne in viaggio oltre le barriere della disabilità”, serie di incontri a Bologna, Rimini, Roma, Firenze e Ravenna, promossi dall’Associazione EducAid, per approfondire alcuni temi connessi alla cooperazione internazionale, quali lo sviluppo, l’accessibilità, l’impresa e l’innovazione sociale come strumenti di inclusione per le persone con disabilità, il tutto in collaborazione con la RIDS (Rete Italiana Disabilità e Sviluppo), e in occasione della visita nel nostro Paese di una delegazione di donne palestinesi con disabilità

Giovani donne palestinesi realizzano un murale

Giovani donne palestinesi alle prese con una pittura murale

Quella che è incominciata oggi, 20 febbraio, sarà la settimana dedicata alla seconda edizione di Donne in viaggio oltre le barriere della disabilità, serie di incontri promossi dall’Associazione EducAid, per approfondire alcuni temi connessi alla cooperazione internazionale, quali lo sviluppo, l’accessibilità, l’impresa e l’innovazione sociale come strumenti di inclusione per le persone con disabilità, il tutto in collaborazione con la RIDS (Rete Italiana Disabilità e Sviluppo), l’alleanza strategica avviata nel 2011 dalla stessa EducAid insieme all’AIFO (Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau), a DPI Italia (Disabled Peoples’ International) e alla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e in occasione della visita di una delegazione di donne palestinesi, coinvolte nei progetti Particip-Action, realizzato in Cisgiordania e Lavoriamo Tutte (Striscia di Gaza).
«Vari eventi – spiegano da EducAid – ai quali tutta la cittadinanza è invitata, per sensibilizzare sui diritti delle persone con disabilità e dimostrare che non esiste pregiudizio, barriera o assedio che non possa essere affrontato e superato».

Si partirà dunque martedì 21 all’Università di Bologna, con la conferenza intitolata Educazione, genere e cooperazione: una buona pratica RIDS in Palestina, consistente in un incontro con i rappresentanti della Regione Emilia-Romagna, oltreché nell’inaugurazione della nota mostra itinerante Diritti accessibili. La partecipazione delle persone con disabilità per uno sviluppo inclusivo, di cui il nostro giornale si è già ampiamente occupato in varie occasioni (se ne legga anche nel box in calce).
Successivamente ci si sposterà a Santarcangelo di Romagna (Rimini), per la Serata INSuperAbile, iniziativa di raccolta fondi presso il Centro Sociale Franchini, per sostenere i progetti a favore delle donne con disabilità in Palestina, seguita dal monologo Diversamente disabili di Roberto Mercadini al Teatro Supercinema.

Mercoledì 22, invece, l’appuntamento sarà a Rimini – città ove è anche la sede di EducAid -, dapprima per un incontro con la Cooperativa Sociale La Formica, che promuove pratiche inclusive delle persone con disabilità nel mondo del lavoro e nel pomeriggio a Innovation Square, per un altro incontro con i rappresentanti del Comune di Rimini e della Camera di Commercio di Rimini e Forlì-Cesena, nell’àmbito della conferenza Impresa, innovazione sociale, inclusione e accessibilità da Rimini alla Palestina, occasione utile per presentare i risultati raggiunti dal progetto Lavoriamo Tutte finanziato dalla Regione Emilia Romagna.

Nel pomeriggio di giovedì 23 a Roma, quindi, l’evento nella sede più prestigiosa, la Sala della Lupa della Camera, per la conferenza Politiche e pratiche inclusive per le donne con disabilità nella Cooperazione Internazionale, quando la delegazione palestinese incontrerà Marina Sereni, vicepresidente della Camera, Pietro Sebastiani, direttore generale per la Cooperazione allo Sviluppo ed Enrico Materia, direttore dell’Ufficio IV dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo.
Tra gli altri partecipanti, da segnalare anche Giampiero Griffo, presidente della RIDS, Pietro Barbieri, in rappresentanza della FISH, Riccardo Sirri di EducAid, Rita Barbuto di DPI (Disabled Peoples’ International) e Francesca Ortali dell’AIFO.

E ancora, l’altra conferenza di venerdì 24 all’Università di Firenze, sul tema Ricerca e Partecipazione: esperienza della Rete Italiana Disabilità e Sviluppo, RIDS, in Palestina, cui parteciperà il Dipartimento delle Politiche sulla Disabilità della Regione Toscana.
Infine, sabato 25, l’incontro a Ravenna con i rappresentanti dell’Amministrazione locale. (S.B.)

Nella colonnina a destra del presente articolo sono elencati i testi già pubblicati sul nostro giornale, dedicati alla situazione delle persone con disabilità in Palestina (e in particolare delle donne). È disponibile il programma completo delle conferenze di Bologna, Rimini, Roma, Firenze, oltreché della serata di Santarcangelo di Romagna. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: clio.angelini@educaid.it.

Diritti accessibili. La partecipazione delle persone con disabilità per uno sviluppo inclusivo
Accessibilità, educazione inclusiva, emergenza, promozione dei diritti e formazione, sviluppo inclusivo su base comunitaria: sono queste le aree tematiche fondamentali, per realizzare uno sviluppo realmente inclusivo ed è su di esse che si basa la mostra denominata Diritti accessibili. La partecipazione delle persone con disabilità per uno sviluppo inclusivo.
Divisa in un Modulo fotografico e in un Modulo video, la mostravisitabile anche online (formato .pdf) – è promossa dalla Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, insieme alla RIDS (Rete Italiana Disabilità e Sviluppo), l’alleanza strategica avviata nel 2011, composta da organizzazioni che da un lato si occupano di cooperazione allo sviluppo (EducAid, AIFO), dall’altro di persone con disabilità (FISH, DPI e ancora AIFO), allo scopo di realizzare iniziative di informazione, formazione e consulenza in Italia e a livello internazionale, riconoscendo i rispettivi saperi e capacità e valorizzando in tal modo l’esperienza di progetti basati sul rispetto dei diritti umani delle stesse persone con disabilità, in linea con i princìpi della Convenzione ONU.

Stampa questo articolo