Due impianti cocleari donati all’Ospedale di Addis Abeba

Nata con l’intento di sostenere iniziative volte a migliorare la vita di chi affronta quotidianamente le disabilità comunicative, la Fondazione AKUSIA ONLUS si propone anche come punto di riferimento verso tutti quei settori che si occupano di beneficenza e ricerca scientifica nel settore dell’ipoacusia.
In tal senso, è certamente degna di nota la recente donazione di due impianti cocleari all’Ospedale St. Paul di Addis Abeba, capitale dell’Etiopia, ciò che ha consentito di effettuare con successo il primo intervento del genere in quel Paese, su una ragazza di 11 anni

Impianto cocleareNata con l’intento di sostenere iniziative volte a migliorare la vita di chi affronta quotidianamente le disabilità comunicative, la Fondazione AKUSIA ONLUS si propone anche come punto di riferimento verso tutti quei settori che si occupano di beneficenza e ricerca scientifica nel settore dell’ipoacusia.
In tal senso, è certamente degna di nota la recente donazione all’Ospedale St. Paul di Addis Abeba, capitale dell’Etiopia, di due impianti cocleari l’orecchio artificiale elettronico in grado di ripristinare la percezione uditiva nelle persone con sordità profonda – ciò che ha consentito di effettuare con successo il primo intervento del genere nel Paese del Corno d’Africa, su una ragazza di 11 anni.
«Questa donazione – spiegano da AKUSIA – segna il primo passo concreto nella lotta alle patologie limitative della capacità di comunicazione in un contesto complesso quale quello dell’Etiopia e costituisce un gesto di solidarietà a favore del benessere delle popolazioni locali e una speranza di poter accedere a tecnologie sanitarie all’avanguardia».
L’iniziativa, va ricordato in conclusione, è stata resa possibile grazie alla collaborazione dell’Ambasciata d’Italia in Etiopia. (S.G.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Ilaria Carfi (ilaria.carfi@fleishmaneurope.com).

Stampa questo articolo