Para ice hockey di alto livello a Torino

Italia, Norvegia, Corea e i campioni mondiali uscenti del Canada stanno dando vita in questi giorni a Torino, fino al 4 marzo, a un importante torneo di para ice hockey (già ice sledge hockey), l’hockey su ghiaccio praticato da atleti con disabilità. La manifestazione costituisce un test quanto mai probante, in vista dei Mondiali Gruppo A, in programma nel prossimi mese di aprile in Corea

Locandina del torneo di Torino di para ice hockeySono state le squadre di Italia e Norvegia ad aprire nella mattinata di oggi, 27 febbraio, l’importante torneo internazionale di para ice hockey (già ice sledge hockey), ovvero dell’hockey su ghiaccio praticato da atleti con disabilità.
Ospitata fino al 4 marzo dal Palatazzoli di Torino e organizzata dall’Associazione SportDiPiù, “culla” dei Tori Seduti, insieme alla FISG (Federazione Italiana Sport del Ghiaccio), la manifestazione si è avvalsa anche del fondamentale apporto della Fondazione Terzo Pilastro, che da quest’anno affianca e supporta le discipline paralimpiche della stessa FISG.

Oltre a Italia e Norvegia, sono le Nazionali di Canada (campione del mondo uscente) e Corea a comporre il lotto delle squadre partecipanti, tutte compagini di altissimo livello, impegnate in un prezioso test per i Mondiali Gruppo A, in programma in aprile in Corea.
L’intero quadrangolare verrà ripreso dalle telecamere di RAI SPORT che trasmetterà in diretta le partite della Nazionale Italiana. (S.B.)

Ringraziamo per la collaborazione Daniela Colonna Preti, presidente dell’Associazione Polisportiva Dilettantistica per Disabili POLHA-Varese.

A questo link verranno via via aggiornati i risultati del torneo di Torino. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Massimo Bernardoni (massimo.bernardoni@fisg.it).

Gli Azzurri presenti a Torino:
Portieri: Santino Stillitano, Gabriele Araudo.
Difensori: Gianluigi Rosa, Gianluca Cavaliere, Bruno Balossetti, Emanuele Parolin,Florian Planker, Andrea Macrì.
Attaccanti: Alessandro Andreoni, Roberto Radice,, Valerio Corvino, Andrea Chiarotti, Gregory Leperdi, Sandro Kalegaris, Eusebiu Antochi, Christoph Depaoli, Nils Larch , Stephan Kafmann.

Stampa questo articolo