L’UICI di Torino al fianco della “corsa in rosa”

«Aderiamo a questa manifestazione come Associazione, dal momento che ci riconosciamo nello spirito e nei valori di essa e anche perché noi stessi ci battiamo per i diritti delle donne, in particolare di quelle con disabilità, che rischiano di essere ulteriormente discriminate»: lo dichiara Titti Panzarea, vicepresidente dell’UICI di Torino, che il 5 marzo parteciperà con una trentina di persone con disabilità visiva a “Just the Woman I Am”, la “corsa in rosa” di Torino, che si snoderà lungo le vie del centro città, per dire no alla violenza di genere e sostenere la ricerca contro il cancro

Torino, "Just the Woman I Am 2016"

Un’immagine dell’evento “Just the Woman I Am” del 2016, la “corsa in rosa” di Torino, alla quale parteciperanno quest’anno anche una trentina di persone con disabilità visiva dell’UICI

Il 5 marzo parteciperà anche un cospicuo gruppo di persone con disabilità visiva a Just the Woman I Am, la “corsa in rosa” che si snoderà lungo il centro di Torino, per dire no alla violenza di genere e sostenere la ricerca contro il cancro.
L’UICI di Torino (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti), infatti, ha aderito con entusiasmo alla proposta del CUS (Centro Universitario Sportivo) che organizza la manifestazione in occasione della Festa della Donna dell’8 marzo, portando già da quattro anni in strada migliaia di donne (ma anche di uomini), nel segno dei valori dello sport e della condivisione di una cultura inclusiva e solidale.
Esattamente 11.000, lo scorso anno, sono stati i corridori/camminatori partecipanti, con un colpo d’occhio straordinario, una “macchia rosa” che ha dato colore e calore al centro città. Per quest’anno gli organizzatori puntano alle 20.000 adesioni, un obiettivo ambizioso, anche perché l’intero ricavato delle iscrizioni verrà devoluto alla ricerca universitaria contro i tumori.

«Ci è sembrato importante – spiega Titti Panzarea, vicepresidente dell’UICI di Torino – aderire alla proposta non solo a titolo personale, ma anche come Associazione. Infatti, ci riconosciamo pienamente nello spirito e nei valori che Just the Woman I Am promuove e da anni, attraverso il nostro Comitato Pari Opportunità, ci battiamo per i diritti delle donne, in particolare di quelle con disabilità, che rischiano di essere ulteriormente discriminate. Inoltre, siamo felici di poter contribuire a una causa così importante come quella della ricerca e di sentirci parte della grande festa che animerà le vie del centro».

Il gruppo dell’UICI di Torino conterà su più di trenta partecipanti, riconoscibili anche grazie al logo dell’Associazione stampato sulla maglietta. Saranno in maggioranza donne, ma ci saranno anche alcuni uomini.
E del resto, per molte persone con disabilità visiva torinesi, correre non è affatto una novità: durante l’anno, infatti, la Polisportiva dell’Unione Ciechi propone diversi eventi podistici, anch’essi legati a fini solidali, aperti a vedenti e non. In questo caso, il gruppo partirà in posizione leggermente laterale, il che dovrebbe consentire una mobilità più agevole. E in Piazza San Carlo l’UICI avrà anche un punto informativo, presso il quale sarà possibile conoscere le tante attività proposte dall’Associazione. (L.M.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Ufficio Stampa UICI di Torino (Lorenzo Montanaro), ufficio.stampa@uictorino.it.

Stampa questo articolo