Uscite didattiche, gite scolastiche e autobus senza barriere

Pullman per il trasporto di persone con disabilità motoria allo stesso prezzo di mezzi non attrezzati: consiste sostanzialmente in questo il progetto denominato “Bus senza barriere”, lanciato dal Comune di Reggio Emilia, con l’obiettivo di garantire a tutti gli alunni e studenti il diritto a muoversi e a partecipare alle gite scolastiche, nell’àmbito del programma “Reggio Emilia città senza barriere”. Di quegli stessi mezzi attrezzati, inoltre, possono usufruire anche gruppi di amici, Associazioni o Società Sportive, che debbano organizzare viaggi o uscite

Persone con disabilità motoria in uno dei mezzi utilizzati nell'àmbito del progetto di Reggio Emilia "Bus senza barriere"

Persone con disabilità motoria in uno dei mezzi utilizzati nell’àmbito del progetto di Reggio Emilia “Bus senza barriere”

Pullman per il trasporto di persone con disabilità motoria allo stesso prezzo di mezzi non attrezzati: consiste in questo il progetto denominato Bus senza barriere, lanciato dal Comune di Reggio Emilia, con l’obiettivo di garantire a tutti gli studenti il diritto a muoversi e a partecipare alle gite scolastiche, nell’àmbito del programma Reggio Emilia città senza barriere, che vede attivamente coinvolto anche il CRIBA Emilia-Romagna (Centro Regionale di Informazione sul benessere Ambientale).

«Da sempre – spiega Annalisa Rabitti, presidente di Farmacie Comunali Riunite e coordinatrice del programma Reggio Emilia città senza barriere – le uscite didattiche e le gite scolastiche sono momenti importanti per gli studenti, oltre che per l’aspetto educativo, anche per quello relazionale e di aggregazione fra i ragazzi. Di questi momenti devono poter godere appieno tutti, anche i ragazzi e i bambini con disabilità motoria, senza che la loro difficoltà sia sentita come un “problema”, un impedimento per i compagni, gli insegnanti e gli educatori, e avendo la possibilità di partecipare attivamente alla vita di gruppo con semplicità. La loro presenza non può e non deve comportare, come purtroppo spesso accade, difficoltà nell’identificare un veicolo adeguato, portando a un aggravio economico per le scuole e le famiglie o, ancor peggio, a rinunce. Il progetto Bus senza barriere nasce quindi proprio perché inclusione e partecipazione possano trasformarsi da “problemi” a “soluzioni”, concretizzando il diritto di tutti a viaggiare e muoversi liberamente».
Attualmente gli operatori che hanno aderito a Bus senza barriere sono TIL e Borghi Viaggi e dei loro autobus attrezzati possono usufruire non solo i Dirigenti degli Istituti Scolastici di ogni ordine e grado di Reggio Emilia e Provincia, ma anche gruppi di amici, Associazioni o Società Sportive, che debbano organizzare viaggi o uscite.

Ideato dall’Amministrazione Comunale e gestito da Farmacie Comunali Riunite, il programma di azioni Reggio Emilia città senza barriere, ha sostanzialmente lo scopo di ripensare la città attraverso azioni e attività finalizzate al superamento delle barriere fisiche e culturali delle persone con disabilità e delle categorie più fragili della comunità. (CERPA Italia – Centro Europeo di Ricerca e Promozione dell’Accessibilità)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: comunicazione@cerpa.org.

Stampa questo articolo