La ricerca permette di capire e di curare

Sarà questo il tema dell’appuntamento centrale promosso per il 18 marzo a Milano dal GILS (Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia), in occasione della XXXIII Giornata Nazionale per la Lotta alla Sclerodermia. Si tratterà ancora una volta di un’irrinunciabile occasione per i malati, i loro familiari, i medici, i ricercatori e le istituzioni, di confrontarsi e imparare a conoscere sempre più a fondo la sclerosi sistemica (sclerodermia), grave patologia cronica e progressiva, che colpisce soprattutto le donne. L’evento verrà presentato il 16 marzo presso il Comune di Milano

Raffaella Scorza

Sarà dedicato a Raffaella Scorza, nota allergologa e immunologa, grande esperta di sclerosi sistemica, scomparsa nel luglio dello scorso anno, l’evento promosso dal GILS per il 18 marzo a Milano

«Insieme a medici, infermieri e istituzioni siamo sempre a fianco degli ammalati con una rete di informazione capillare in tutta Italia, perché solo così si potrà sconfiggere la malattia e raggiungere gli obiettivi più ambiziosi»: così Carla Garbagnati Crosti, presidente del GILS (Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia), presenta l’appuntamento centrale della XXXIII Giornata Nazionale per la Lotta alla Sclerodermia, organizzato per sabato 18 marzo a Milano (Aula Magna dell’Università Statale), dedicato al tema La sclerosi sistemica: la ricerca permette di capire, la ricerca permette di curare e al quale è stata anche quest’anno conferita la Medaglia del Presidente della Repubblica.
Si tratterà ancora una volta di un’irrinunciabile occasione per i malati, i loro familiari, i medici, i ricercatori e le istituzioni, di confrontarsi e imparare a conoscere sempre più a fondo la sclerosi sistemica (sclerodermia), grave patologia cronica e progressiva, che colpisce soprattutto le donne.
L’origine di quest’ultima, va ricordato, non è ancora ben nota, anche se il meccanismo che la causa è certamente di tipo autoimmune, dovuto cioè a un vero e proprio “impazzimento” del sistema immunitario, che attacca i tessuti sani della persona, con conseguenze potenzialmente devastanti. Oltre alla cute, infatti, vengono colpiti organi vitali quali il cuore, i polmoni, i reni e l’intero apparato gastrointestinale. Le lesioni della pelle, quindi, sono solo l’aspetto esteriore e più evidente della gravità di una patologia che di fatto riguarda tutto l’organismo.

Il tema scelto per l’evento di quest’anno è sostanzialmente una conferma della vocazione e dell’impegno del GILS. «La ricerca scientifica – sottolinea infatti la presidente Garbagnati Crosti – è una delle priorità scritte a chiare lettere nel nostro Statuto, e su di essa abbiamo puntato negli anni, passando dalle parole ai fatti, con 1.444.285 euro investiti dal 2008 al 2016. Grazie quindi ai nostri bandi di concorso pubblico, assegnati ai migliori giovani ricercatori italiani, si sono fatti molti passi avanti per una conoscenza più approfondita della sclerosi sistemica, con l’ambizioso obiettivo di trovare finalmente delle cure per questa patologia ad andamento cronico progressivo».

Il convegno di Milano – dedicato alla memoria di Raffaella Scorza, nota allergologa e immunologa e grande esperta del settore, scomparsa nel luglio dello scorso anno – darà spazio in particolare a temi quali le alterazioni della regolazione del sistema immunitario, i nuovi aspetti patogenetici, i problemi intestinali nei pazienti sclerodermici, con un appuntamento specifico centrato sull’argomento Gravidanza, la ricerca che accarezza, così come l’omonimo progetto voluto e appoggiato dal GILS, «che abbraccia più patologie autoimmuni sistemiche e più Associazioni – come spiega Garbagnati Crosti -, un progetto che parla di vita e che ormai ha risonanza mondiale». (S.B.)

È disponibile il programma completo dell’evento promosso per il 18 marzo dal GILS, che verrà presentato domani, 16 marzo, nel corso di una conferenza stampa presso il Comune di Milano (Sala Brigida di Palazzo Marino, ore 12), alla presenza di Pierfrancesco Majorino, assessore comunale alle Politiche Sociali e alla Cultura della Salute, Carla Garbagnati Crosti, presidente del GILS e Alessandro Santaniello della Scleroderma Unit, presso la Fondazione IRCCS Ca’ Granda, Ospedale Maggiore Policlinico di Milano.
Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Martina Corbetta (mcorbetta@studiotm.org).

Stampa questo articolo