Quell’esercito di docenti “invisibili”

Se si comprende ogni forma di disabilità, causata dai più svariati motivi – dalle malattie cardiache alla sclerosi multipla, dalla disabilità visiva a una forma tumorale, fino a problemi più o meno seri di deambulazione – sono oltre 100.000 gli insegnanti con disabilità che ogni giorno siedono dietro la cattedra e tengono lezioni agli alunni di ogni ordine e grado della scuola italiana. Un esercito, per altro, di “invisibili”, in quanto sembra strano, ma è così, non esisterebbero su di loro né dati ufficiali né rilevazioni statistiche

Insegnante con disabilitàUn esercito “invisibile” di oltre 100.000 insegnanti con disabilità che ogni giorno siede dietro la cattedra e tiene lezione agli alunni di ogni ordine e grado della scuola italiana. Un numero ricavato da stime non ufficiali, perché sui docenti disabili non esisterebbero dati e rilevazioni statistiche. Un “buco nero”, dunque, nel sistema scolastico che, secondo un’inchiesta del magazine online «Ofcs Report – La percezione della sicurezza», riguarda circa il 15% del totale del corpo docente italiano, che conta oltre 750.000 unità. Tra questi, occorre precisare, sono inclusi gli insegnanti alle prese con ogni forma di disabilità, dal docente con malattie cardiache a quello affetto da sclerosi multipla, dal non vedente al professore malato di tumore o con problemi di deambulazione.

Eppure di disabilità nel mondo scolastico se ne parla spesso, ma a finire al centro del dibattito sono esclusivamente i tantissimi ragazzi che ogni giorno sfidano le barriere architettoniche e culturali che ancora esistono nei nostri istituti, spesso fatiscenti e non sempre in grado di garantire pienamente l’accessibilità a tutti. In tal senso, lo ricordiamo, nell’anno scolastico 2015-2016 gli alunni con disabilità nella scuola primaria erano 88.281 (3% del totale degli alunni), nella scuola secondaria di primo grado 67.690 (4% del totale), tra i quali l’8% non autonomo in alcuna delle seguenti attività: spostarsi, mangiare o andare in bagno.
Per quanto poi riguarda gli insegnanti di sostegno rilevati dal Ministero, essi erano più di 82.000, uno ogni due alunni con disabilità. Negli anni, infine, circa l’8% delle famiglie di questi alunni ha presentato un ricorso per ottenere l’aumento delle ore di sostegno.
Se spostiamo tuttavia il discorso sulla disabilità dietro la cattedra e chiediamo informazioni agli Enti preposti, quello che ci troviamo di fronte è il buio più totale. Un vero e proprio esercito di insegnanti “invisibili” le cui storie il citato magazine online «Ofcs.Report» sta raccogliendo in tutta Italia, ma che il Ministero dell’Istruzione non avrebbe mai rilevato, così come l’ISTAT, l’INPS, i Dicasteri della Pubblica Amministrazione e del Lavoro, tutti contattati dallo stesso «Ofcs.Report»: nella migliore delle ipotesi, infatti, hanno “giocato a scaricabarile”, altre volte hanno sviato il tema spostando l’attenzione sugli alunni con disabilità, altre ancora hanno lasciato senza risposta le richieste ufficiali di dati e informazioni.

Si tratta di un silenzio che lascia con l’amaro in bocca di fronte alle tantissime storie raccolte, con docenti disabili che denunciano difficoltà nel poter esercitare l’attività, casi di mobbing da parte di Dirigenti Scolastici a cui magari un insegnante malato in organico crea problemi, se non incomprensibili imbarazzi. Con il risultato che in molti sono sul punto di mollare, come la maestra Rosa Maria Gagliano, 50 anni di cui venti di precariato sulle spalle, malata di sclerosi multipla, che ha fatto richiesta di mobilità lo scorso maggio per restare nella propria Provincia, Palermo, allegando alla richiesta il verbale della Legge 104 e l’invalidità al 100 per cento. Come risposta è stata trasferita a Bologna, a 1.200 chilometri da casa…
Oppure la storia di Stefania (nome di fantasia), maestra delle elementari di una scuola del Sud Italia, anche lei con la sclerosi multipla, per la quale il Dirigente Scolastico ha chiesto una visita in CMV (Collegio Medico di Verifica), giustificando la domanda dal momento che «la maestra continua ad assentarsi dal lavoro perché affetta da malattia degenerativa».
Non ultimo un caso denunciato dall’organizzazione ANIEF-CISAL: un docente a tempo indeterminato in servizio in Lombardia, affetto da anni da una malattia invalidante, che si sarebbe visto improvvisamente negare dal Ministero le somme per gli stipendi dello scorso anno scolastico, con la motivazione che l’assenza non era giustificata da certificazione medica indicante la grave patologia. I certificati presentati dallo stesso insegnante sono stati considerati dall’Amministrazione «generici senza una chiara indicazione della terapia salvavita». Una stortura burocratica che per altro il Tribunale di Milano ha prontamente corretto, riconoscendo al docente con disabilità il risarcimento ai giorni lavorativi decurtati. «Giustizia è fatta», spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale dell’ANIEF e segretario confederale della CISAL. «Ora – aggiunge – il Ministero dovrà restituire l’intera retribuzione negata al suo dipendente, perché chi si sottopone a terapie salvavita non può vedersi privato della retribuzione».

L’unico monitoraggio in questo àmbito effettuato dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca riguarda le richieste di 104, ovvero i permessi per le persone con disabilità o per i loro familiari. Un monitoraggio scaturito a seguito di uno scandalo scoppiato a Menfi, in provincia di Agrigento nel 2014, dove nell’Istituto Santi Bivona settanta insegnanti su centosettanta risultavano malati o beneficiari della Legge 104. Solo per rendere l’idea, nelle imprese private le persone che ricorrono alla Legge 104 sono circa l’1,5% sul totale dei lavoratori, mentre nella scuola questa percentuale cresce, complessivamente, sino al 13%.
I dati di quel dossier, tuttavia, non restituiscono una fotografia esatta del problema, poiché dicono il totale delle richieste e non solo le 104 cosiddette “dirette”, ma è bene ricordarle perché restituiscono come al solito la geografia di un Paese spaccato a metà, con il Sud sempre indietro.
Restando infatti ai dati, in base a tale monitoraggio il maggior numero di docenti con disabilità, o impegnato ad assistere un parente con disabilità, è di ruolo in una scuola della Sardegna, dove usufruisce della 104 addirittura il 18,27% degli insegnanti, vale a dire quasi uno su cinque. Seguono l’Umbria, dove la percentuale è del 17,17%, la Sicilia con il 16,75% e il Lazio con il 16,36%. In Puglia la presenza dei beneficiari della 104 è del 15,95% e in Campania è del 15,77%.
Tra le Regioni in cui si registra una minor presenza di docenti con disabilità o con parenti disabili, spicca, primo fra tutti, il Piemonte: dove la percentuale di beneficiari della Legge 104 si abbassa all’8,96%. Restano sotto la soglia del 10% anche il Veneto con il 9,71% di permessi e la Toscana con il 9,84%.

«In realtà al Ministero – spiega una dirigente che vuole restare anonima – non interessa rilevare quel dato, che comunque l’INPS non può non avere. Bisogna dire anche che nella scuola, più che in altri settori della Pubblica Amministrazione, i lavoratori con disabilità sono molto numerosi, forse per la tipologia di lavoro che svolgono, e rappresentano un costo notevole per lo Stato, viste le sostituzioni che bisogna prevedere e l’assistenza che si deve garantire». Ecco dunque perché, forse, risulta più conveniente non spendere soldi per censirli o anche solo per raccontare le tante storie di eccellenze nella scuola che hanno come protagonisti proprio gli insegnanti con disabilità.

Testo già apparso nel magazine online «Ofcs Report – La percezione della sicurezza», con il titolo “Docenti disabili: un esercito di 100mila ‘invisibili’ siede dietro le cattedre”, e qui ripreso, con alcuni riadattamenti al diverso contenitore, per gentile concessione.

Sul tema dei docenti con disabilità, suggeriamo senz’altro la consultazione della pubblicazione intitolata Davanti e dietro alla cattedra, disponibile online e curata da Oriana Fioccone, all’interno del Gruppo Donne UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare). Essa si compone appunto di un’interessante raccolta di testimonianze di insegnanti e studentesse con disabilità.
Segnaliamo inoltre la disponibilità di una testimonianza diretta della stessa Oriana Fioccone (La mia odissea tra montacarichi e trasferimenti), pubblicata in «Ofcs Report – La percezione della sicurezza»).

Stampa questo articolo