Cinema a ruota libera

Si chiama così il sito creato da Carlo Guglielmo Vitale, persona con disabilità in carrozzina, che con tale meritoria iniziativa chiede la collaborazione di tutti, per censire l’accessibilità alle persone con disabilità motoria delle sale cinematografiche italiane, in particolare per quanto riguarda la posizione della carrozzina in sala

Sala cinematografica

Ancora sin troppo spesso le persone con disabilità in carrozzina si trovano costrette a vedere un film in prima fila, proprio sotto lo schermo

«Sono una persona con disabilità a causa della distrofia muscolare di Duchenne e proprio per questo mi trovo sempre in difficoltà nel momento in cui decido di andare ad un cinema che non conosco a Roma dove vivo: l’accesso alle sale, infatti, è formalmente garantito, ma quante volte è capitato a noi disabili in carrozzina di essere costretti a vedere un film in prima fila proprio sotto lo schermo? Tante altre volte ci siamo rifiutati di essere sottoposti a questa vera e propria discriminazione e abbiamo dovuto cambiare programma della serata! Per cercare quindi di risolvere almeno in parte il problema, ho deciso di creare un sito internet in cui pubblicare i dati relativi all’accessibilità delle sale cinematografiche, in particolare riguardo la posizione della carrozzina in sala. L’obiettivo iniziale era legato alla mia città, ma ho pensato di allargare a tutta Italia questo lavoro di censimento».
Così ci scrive Carlo Guglielmo Vitale e ben volentieri diamo spazio a questa sua meritoria iniziativa, che per ottenere buoni risultati, ha naturalmente bisogno della collaborazione di tutti. Farlo non è difficile: basta accedere al sito Cinema a ruota libera, ove compilare un semplice modulo con informazioni riguardanti appunto la posizione della carrozzina in ogni sala cinematografica segnalata, ed eventuali altri dati riguardo l’accessibilità generale (gradini, montascale o ascensori ecc.). (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@cinemaruotalibera.it.

Stampa questo articolo