Il Museo e l’Autismo

Prende il nome dall’omonimo progetto sperimentale che il Museo Tattile Statale Omero di Ancona ha avviato dallo scorso anno, in collaborazione con i Servizi Sociali del capoluogo marchigiano, per coinvolgere un piccolo gruppo di adolescenti con autismo in progetti artistici, la mostra denominata “Il Museo e l’Autismo”, che resterà aperta fino al 9 aprile e che ruota attorno a una serie di disegni relativi al mito della “Lupa Capitolina”

Disegno della Lupa Capitolina, per la mostra "Il Museo e l'Autismo", Museo Omero di Ancona, aprile 2017

Uno dei disegni relativi alla Lupa Capitolina, realizzati da alcuni adolescenti con autismo, in mostra al Museo Tattile Statale Omero di Ancona

Resterà aperta fino al 9 aprile, la mostra Il Museo e l’Autismo, inaugurata ieri, 2 aprile, dal Museo Tattile Statale Omero di Ancona, in occasione della Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo.

L’esposizione presenta i disegni di quattro adolescenti con autismo (Maria Rita, Lucio, Davide ed Enrico), che raccontano il mito legato alla Lupa capitolina, opera dal forte potere iconico e narrativo, su cui i quattro ragazzi hanno lavorato durante cinque incontri al Museo.
L’opera, la cui copia in vetroresina arricchisce la sala romana del Museo Omero, è stata fotografata, descritta, raccontata, toccata e infine restituita dai partecipanti nelle linee e nei colori più congeniali ai suoi creatori.

La mostra prende il nome dall’omonimo progetto sperimentale che il Museo Omero ha avviato dallo scorso anno in collaborazione con i Servizi Sociali del Comune di Ancona, per coinvolgere un piccolo gruppo di adolescenti con autismo in progetti artistici.
«In questi due anni – spiegano dalla struttura marchigiana -, i giovani coinvolti hanno familiarizzato con il nostro Museo, rivelatosi luogo rassicurante e ricco di stimoli, dove potenziare e valorizzare le loro capacità espressive e favorire momenti di condivisione e socializzazione. Lo scorso anno i ragazzi avevano lavorato sul David di Michelangelo, quest’anno, invece, sul simbolo della fondazione di Roma». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Monica Bernacchia (Comunicazione Museo Tattile Statale Omero di Ancona), redazione@museoomero.it.

Stampa questo articolo