Amore e affettività: esempi di normalità

«Cosa c’è davvero dietro una vita con disabilità? Perché la sessualità e i sentimenti delle persone con disabilità sono considerati ancora un tabù? Con questo convegno intendiamo presentare testimonianze di persone con esigenze speciali che sono riuscite a costruire una vita normale, puntando su quello che si può fare invece che su quello che non si può fare». Viene presentato così, dall’Associazione Free Wheels di Somma Lombardo (Varese), il convegno intitolato “Disabilità, esempi di normalità. Amore e affettività nella disabilità”, organizzato per domani, 12 aprile, a Milano

Oriella Orazi, "Abbraccio"

Oriella Orazi, “Abbraccio”

«Cosa c’è davvero dietro una vita con disabilità? Perché la sessualità e i sentimenti delle persone con disabilità sono considerati ancora un tabù? Con questo convegno intendiamo presentare testimonianze di persone con esigenze speciali che sono riuscite a costruire una vita normale, puntando su quello che si può fare invece che su quello che non si può fare».
Viene presentato così, dall’Associazione Free Wheels di Somma Lombardo (Varese), il convegno intitolato Disabilità, esempi di normalità. Amore e affettività nella disabilità, organizzato per domani, mercoledì 12 aprile, a Milano (Microsoft House, Via Pasubio, 21, ore 14-18.30).

Diviso in due sessioni, l’incontro prevede nella prima (Disabilità, esempi di normalità) l’intervento di Pietro Scidurlo, presidente di Free Wheels; Ferdinando Acerbi, atleta paralimpico; Alessandro Bordini, promotore del blog Lightheplanet, viaggiatore intorno al mondo; Martina Gerosa, architetto e urbanista del Politecnico di Milano; Luca Des Dorides, storico e archivista della Società Cooperativa Eyes Made.
Alla seconda sessione, invece (Amore e affettività nella disabilità), parteciperanno Maximiliano Ulivieri, fondatore del sito «Diversamente Agibile.it» e Fabrizio Marta, alias Rotex, noto escursionista in carrozzina, presidente dell’Associazione Rotellando.
Modererà i lavori Claudio Arrigoni, giornalista che è tra i fondatori del blog InVisibili del «Corriere della Sera.it», “firma” spesso presente anche sulle pagine del nostro giornale. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Pietro Scidurlo (pietro.scidurlo@gmail.com).

Stampa questo articolo