Tutti i parchi gioco dovranno diventare accessibili

«Con i fondi raccolti, potremo già entro l’anno iniziare a finanziare nei parchi e nelle aree verdi gli interventi per l’accessibilità, un settore, questo, nel quale la lacuna da colmare è grande: su 8.000 Comuni italiani, infatti, poco più di 350 offrono parchi inclusivi e/o parchi con almeno una giostra accessibile»: la UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) commenta con soddisfazione i risultati della propria recente campagna, che ha avuto appunto al centro il Progetto “Giocando si impara”, volto a rendere inclusivi i parchi gioco italiani

Cristian, Samuele e Caterina per "Giocando si impara", UILDM, 2017 (©UILDM)

Cristian, Samuele e Caterina sono stati i protagonisti del video realizzato per la UILDM da Aldo Bisacco, in occasione della Campagna “Giocando si impara” (©UILDM)

«La nostra missione è fare dell’inclusione un obiettivo sempre più concreto per le persone con disabilità e per le loro famiglie. Con Giocando si impara l’obiettivo si avvicina, perché l’inclusione inizia da subito, fin da piccoli: i parchi gioco devono essere accessibili e dotati di giostre adatte anche ai bambini con disabilità perché le relazioni che costruiscono oggi sono la società nella quale vivranno da adulti. Una società che tutti dovremmo volere più matura e consapevole. Grazie a tutti quelli che sono scesi in campo in queste settimane, in ogni modo, per far sì che potessimo raggiungere questo risultato straordinario».
È con soddisfazione che Marco Rasconi, presidente nazionale della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), commenta il successo ottenuto dalla campagna lanciata all’inizio di aprile, in occasione della Giornata Nazionale UILDM 2017, che ha avuto appunto al centro – come avevamo riferito in sede di presentazione – il Progetto Giocando si impara, volto a rendere inclusivi i parchi gioco italiani.

«L’obiettivo della campagna – si legge in tal senso in una nota della UILDM – è stato raggiunto e superato, dal momento che, con i fondi raccolti, potremo già entro l’anno iniziare a finanziare nei parchi e nelle aree verdi gli interventi per l’accessibilità. E del resto, la lacuna da colmare su questo tema è grande: su 8.000 Comuni italiani, infatti, poco più di 350 offrono parchi inclusivi e/o parchi con almeno una giostra accessibile (meno del 5%). C’è quindi molto da fare e Giocando si impara, progetto elastico adattabile alle diverse realtà, perché modulare e facilmente declinabile nei contesti urbani, potrà essere preso ad esempio».

Tanti sono stati i volontari e gli amici che hanno portato la UILDM nelle piazze, a contatto con la vita delle comunità, promuovendo vari punti di raccolta e numerosi eventi per sensibilizzare sui temi dell’inclusione e del diritto al gioco di tutti i bambini. E prestigiosi sono stati anche i partner dell’Associazione, ovvero la Fondazione Telethon, l’AVIS (Associazione Volontari Italiani del Sangue), Cittadinanzattiva, Famiglie SMA (Atrofia Muscolare Spinale), Parent Project, ASAMSI (Associazione per lo Studio delle Atrofie Muscolari Spinali Infantili), FIWH (Federazione Italiana Wheelchair Hockey) e CAMN (Coordinamento Associazioni Malattie Neuromuscolari).
Fondamentale anche il supporto di media partner come la RAI, La7, Sky e Discovery, insieme ai circuiti MovieMedia, UCI Cinemas e ACEC (Associazione Cattolica Esercenti Cinema) e anche del mondo dello sport, in particolare da parte della Lega di Serie A di calcio e della Legabasket di Serie A. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: uildmcomunicazione@uildm.it.

Stampa questo articolo
Warning: filemtime(): stat failed for /web/htdocs/www.superando.it/home/ml/ml.lock in /web/htdocs/www.superando.it/home/wp-content/themes/superando/footer.php on line 73