Android ad occhi chiusi anche in YouTube

Android ad occhi chiusi, ovvero il noto servizio che monitora e aggiorna la progressiva implementazione dell’accessibilità di Android, rispetto ai lettori di schermo, alle sintesi vocali e ad altre apparecchiature, è sbarcato infatti anche su YouTube, proponendosi utilmente sia alle persone con disabilità visiva che alle varie figure che le supportano (tiflologi, insegnanti di sostegno ecc.)

Persona non vedente al computerNon più solo Facebook: Android ad occhi chiusi, infatti – il servizio di cui abbiamo già avuto più volte occasione di occuparci, che con il coordinamento di Alessio Conti, monitora e aggiorna la progressiva implementazione dell’accessibilità di Android, rispetto ai lettori di schermo, alle sintesi vocali e ad altre apparecchiature, per conto dell’Associazione vEyes (virtual Eyes) – è sbarcato ora anche su YouTube.
«Si tratta – spiega Conti – di un’ulteriore dilatazione delle possibilità di contatto con questo sistema, estesa anche a chi non può accedere all’omonima pagina. Il canale si rivolge sia alle persone non vedenti e ipovedenti, sia alle varie figure di supporto che gravitano attorno alla disabilità visiva (tiflologi, insegnanti di sostegno ecc.). Piattaforma di facile consultazione, YouTube consente infatti a chi può vedere di accedere ai movimenti che l’operatore fa sul telefono, potendoli riprodurre. Ma anche per i non vedenti i vantaggi paiono molti: poter udire le sintesi vocali e avere un accesso diretto alle possibilità operative del sistema Android. si consiglia di iscriversi al canale per restare aggiornati sulle ultime novità». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: alessio.conti@winguido.it.

Stampa questo articolo