Un’opera che darà nuovo slancio alla Convenzione ONU

Verrà presentato il 26 maggio a Roma, alla presenza di alcuni alti rappresentanti delle Nazioni Unite e del Consiglio d’Europa, oltreché del mondo accademico e dell’associazionismo, il primo e unico Commentario in inglese dedicato alla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, guida fondamentale per l’applicazione della stessa a livello nazionale e preziosa fonte di consultazione per chiunque si occupi di diritti umani, ma anche importante occasione per promuovere sempre più la conoscenza del Trattato approvato nel 2006, dando nuovo slancio ai diritti in esso sanciti

New York, 30 marzo 2007, Paolo Ferrero e Giampiero Griffo - firma dell'Italia della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità

Dopo l’approvazione della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, avvenuta il 13 dicembre 2006 da parte dell’Assemblea delle Nazioni Unite, è il 30 marzo 2007, quando a New York l’allora ministro della Solidarietà Sociale Paolo Ferrero, affiancato da Giampiero Griffo, membro del Consiglio Mondiale di DPI (Disabled Peoples’ International), sottoscrive il Trattato per l’Italia

Si chiama The United Nations Convention on the Rights of Persons with Disabilities. A Commentary, ovvero “Commentario della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Diabilità” ed è un volume concepito e realizzato dall’ISGI (Istituto di Studi Giuridici Internazionali) del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), a cura di Valentina Della Fina, Rachele Cera e Giuseppe Palmisano (Springer 2017), che rappresenta il risultato principale delle ricerche pluriennali svolte dallo stesso ISGI in tema di diritti delle persone con disabilità e che non a caso vede la luce a poco più di dieci anni dall’adozione della Convenzione ONU e del suo Protocollo Opzionale, diventando quindi un’importante occasione da una parte per un’approfondita analisi giuridica di questi strumenti internazionali, dall’altra per promuoverne sempre più la conoscenza e dare nuovo slancio ai diritti da essi sanciti.

«Primo e unico Commentario in inglese sulla Convenzione ONU – spiegano i curatori – questo volume analizza articolo per articolo il testo del trattato di cui, da un lato, ricostruisce la continuità con gli antecedenti nel diritto internazionale dei diritti umani e, dall’altro lato, evidenzia i progressi nella protezione dei diritti delle persone con disabilità. Raccogliendo i contributi di eminenti Autori italiani e stranieri, il testo si propone di chiarire il contenuto e lo scopo dei diritti delle persone con disabilità e degli obblighi delle parti contraenti previsti dalla Convenzione, anche alla luce dei primi anni della sua operatività e attuazione. Si tratta altresì di una guida utile per l’applicazione della Convenzione a livello nazionale e di una preziosa fonte di consultazione per gli operatori del settore (organizzazioni non governative, organizzazioni internazionali, ministeri e altri organismi), per la comunità accademica, per gli studenti universitari e per tutti quei professionisti che a vario titolo si occupano dei diritti umani delle persone con disabilità».

La presentazione pubblica dell’opera è in programma per il 26 maggio prossimo a Roma, presso la sede del CNR (Aula Marconi, Piazzale Aldo Moro, 7, ore 10.30), durante un incontro cui parteciperanno eminenti rappresentanti delle Nazioni Unite e del Consiglio d’Europa, oltreché del mondo accademico e dell’associazionismo.
Nel dettaglio, saranno presenti per l’occasione – insieme ai curatori del volume – Maria Soledad Cisternas Reyes, presidente del Comitato ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, l’organismo che ha il compito di vigilare sull’applicazione della Convenzione nei vari Paesi che l’hanno ratificata; Catalina Devandas Aguilar, relatore speciale delle Nazioni Unite sui Diritti delle Persone con Disabilità; Christos Giakoumopoulos, responsabile dell’Human Rights Directorate del Consiglio d’Europa; Sergio Marchisio, ordinario di Diritto Internazionale all’Università La Sapienza di Roma; Silvia Cutrera, vicepresidente della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap). Quest’ultima, durante il proprio intervento, si soffermerà in particolare sulla situazione attuale dei diritti delle persone con disabilità nel nostro Paese e segnatamente sull’applicazione dei princìpi della Convenzione, guardando sia al Rapporto Alternativo elaborato all’inizio del 2016 dal FID (Forum Italiano sulla Disabilità), sia alle Osservazioni Conclusive prodotte dal Comitato ONU, rispetto al primo Rapporto Ufficiale presentato dall’Italia. (Stefano Borgato)

A questo link sono disponibili ulteriori approfondimenti sul volume The United Nations Convention on the Rights of Persons with Disabilities. A Commentary, che verrà presentato il 26 maggio a Roma.

Stampa questo articolo