Una festa per abbattere tutte le barriere

Un viaggio alla scoperta del cibo, inteso come nutrimento, conoscenza e soddisfazione di un bisogno primario, ma anche – e soprattutto – come condivisione materiale, emotiva e spirituale, piacere dell’accoglienza e inclusione delle persone con disabilità in tutti gli àmbiti della vita sociale: in tre parole, il “Gusto della Vita”, tema centrale della “Festa in Amicizia 2017” dell’Istituto Serafico di Assisi (Perugia), il noto Centro umbro impegnato nella riabilitazione, l’educazione e l’inserimento sociale di bambini e ragazzi con gravi disabilità fisiche

Scene di vita quotidiana all'Istituto Serafico di Assisi

Scene di vita quotidiana all’Istituto Serafico di Assisi

«Saranno due giorni di festa pubblica, in cui il nostro Istituto si aprirà all’esterno, alla comunità, per far conoscere le attività e i risultati ottenuti dai ragazzi grazie anche all’importante aiuto degli operatori del centro. Raggiungere un traguardo, per una persona con disabilità, rappresenta una sfida eccezionale e la nostra Festa in Amicizia è nata proprio con questo scopo, quello cioè di celebrare le loro vittorie»: così Francesca Di Maolo, presidente dell’Istituto Serafico di Assisi (Perugia), presenta l’imminente Festa in Amicizia 2017, rassegna di eventi scientifici, sociali e culturali, organizzata sin dal 1993 presso tale struttura umbra (Viale Marconi, 6), impegnata nella riabilitazione, l’educazione e l’inserimento sociale di bambini e ragazzi con gravi disabilità fisiche.
Tema dell’edizione di quest’anno dell’evento sarà il Gusto della Vita, all’insegna di un viaggio alla scoperta del cibo, inteso come nutrimento, conoscenza e soddisfazione di un bisogno primario, ma anche come condivisione materiale, emotiva e spirituale, piacere dell’accoglienza e inclusione delle persone con disabilità in tutti gli àmbiti della vita sociale.

Tra le varie iniziative previste, da segnalare innanzitutto il convegno scientifico in programma per la mattinata di sabato 27, intitolato Gusto. Cultura, Salute e Stili di Vita, durante il quale si parlerà dell’evoluzione del gusto nella storia, di modelli e mode alimentari che si sono susseguiti nel tempo, per poi approfondire il tema sul versante delle disabilità e sull’importanza di scelte alimentari corrette, in grado di fornire alle persone tutti i nutrienti utili per supportarle fisicamente, al pari di una terapia medica.

Sempre sabato 27, la serata vedrà i ragazzi con disabilità del Serafico andare in scena con lo spettacolo teatrale L’ingrediente segreto, storia di tre giovani cuochi che intraprendono un viaggio nei cinque angoli della terra alla scoperta delle tante culture, dei diversi cibi e sapori e alla ricerca di un misterioso ingrediente. Sarà un mix di recitazione, musica dal vivo, movimenti, danze.
Quest’anno, inoltre, ci sarà un’ulteriore novità, costituita da un video interpretato sempre dai ragazzi dell’Istituto umbro e intitolato anch’esso L’ingrediente segreto.

Infine, domenica 28, l’open day Il Gusto della Vita, che vedrà i partecipanti vivere un viaggio sensoriale all’interno di un bosco e attraverso i laboratori tematici curati dai giovani e dagli operatori del Serafico, con la collaborazione anche dei genitori.
Scopo di tale iniziativa sarà quello di far comprendere come le persone con disabilità, attraverso alcune attività, possano esprimersi creativamente utilizzando i cinque sensi. (S.B.)

È disponibile a questo link un testo di approfondimento sulla Festa in Amicizia 2017. Per ulteriori informazioni: Federica Aruanno (f.aruanno@inc-comunicazione.it).

Stampa questo articolo