I testi giusti per gli alunni e gli studenti con disabilità visiva

Grazie alla convenzione vigente tra la Regione Campania e la Biblioteca Italiana per i Ciechi Regina Margherita di Monza, gli alunni e gli studenti con disabilità visiva della Campania potranno affrontare il prossimo anno scolastico o accademico con la fornitura dei testi adattati alle specifiche esigenze, in Braille, “Large Print” (a caratteri ingranditi) o digitali. «Da sempre – sottolinea Giulia Antonella Cannavale, presidente dell’UICI di Caserta – l’UICI e la Biblioteca Regina Margherita di Monza si battono affinché gli studenti con disabilità visiva non vengano ritenuti “di Serie B”»

Bimbo cieco che legge in braille

Un bimbo cieco che legge in Braille

«Grazie all’impegno della Regione e ai servizi offerti dalla Biblioteca Italiana per i Ciechi Regina Margherita di Monza – come viene segnalato dall’UICI di Caserta (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) – gli alunni e gli studenti con disabilità visiva della Campania potranno affrontare il prossimo anno scolastico o accademico con la fornitura dei testi adattati alle specifiche esigenze».
La citata Biblioteca Regina Margherita di Monza, infatti, è in convenzione con la Regione Campania, per la fornitura di testi scolastici in Braille, Large Print (a caratteri ingranditi) o digitali per tutti gli studenti con disabilità visiva. In tal senso, la Regione riconosce per l’espletamento di questo servizio 1.800 euro agli alunni della scuola dell’infanzia e primaria, 3.200 euro a quelli della scuola secondaria e agli studenti universitari.

«Attraverso una variegata attività editoriale – spiegano dall’UICI di Caserta – che si concretizza in opere su diversi formati, la Biblioteca Regina Margherita soddisfa le diverse esigenze legate all’apprendimento degli alunni e degli studenti con disabilità visiva. Infatti, il Centro di Produzione della stessa è dotato di macchine punzonatrici e stampanti in grado di garantire una produzione di qualità e una tiratura elevata delle opere richieste. L’adattamento dei testi scolastici avviene attraverso il confronto con gruppi di lavoro esperti nella disabilità visiva, presenti nei Centri di Consulenza Tiflodidattica (in unione con la Federazione Nazionale delle Istituzioni pro Ciechi), impegnati a garantire il pieno processo di integrazione scolastica delle persone con disabilità visiva. Operatori specializzati sono presenti infatti in ogni Provincia, per venire incontro alle esigenze di scuole, famiglie ed enti interessati, al fine di costruire, nel miglior modo possibile, il percorso di apprendimento dell’alunno e dello studente con minorazione visiva».

«Da sempre – sottolinea Giulia Antonella Cannavale, presidente dell’UICI di Caserta – l’UICI e la Biblioteca Regina Margherita di Monza, ognuno per le proprie competenze, si sono battute, si battono e si batteranno affinché gli alunni e gli studenti con disabilità visivi non siano “di Serie B”. Anche per questo invito le famiglie e gli studenti a rivolgersi alle varie sedi associative dell’Unione, perché solo così potremo garantire un servizio efficiente ed efficace per una vera accessibilità alla cultura, allo studio e all’informazione». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: uicce@uiciechi.it.

Stampa questo articolo