Qualcosa nel corpo del cavallo fa bene all’animo dell’uomo

A dirlo fu il celebre letterato Goethe, con parole che ben si addicono all’entusiasmo di quelle persone con disabilità visiva, bambini, ragazzi e adulti, che tanti benefìci stanno traendo dal contatto con i cavalli. partecipando al Progetto “Fidati di lui… ciecamente”, promosso dalla Rappresentanza di Sant’Anastasia dell’UICI Provinciale di Napoli (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), insieme all’Associazione Sportiva Dilettantistica Real Vesuviana di Somma Vesuviana e all’Associazione Sportiva Dilettantistica La Fattoria di Ercolano

Progetto "Fidati di lui... ciecamente"

Una delle persone con disabilità visiva coinvolte nel Progetto “Fidati di lui… ciecamente”

Come avevamo sottolineato in fase di presentazione, c’è una frase del celebre letterato Goethe («C’è qualcosa nel corpo del cavallo che fa bene all’animo dell’uomo») che ben sintetizza lo spirito della bella iniziativa promossa dalla Rappresentanza di Sant’Anastasia dell’UICI Provinciale di Napoli (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), denominata Fidati di lui… ciecamente, insieme all’Associazione Sportiva Dilettantistica Real Vesuviana di Somma Vesuviana e all’Associazione Sportiva Dilettantistica La Fattoria di Ercolano (Napoli), specializzata in attività di equitazione per persone con disabilità.
In maggio, all’avvio del progetto, erano presenti tra gli altri, presso La Fattoria, sia Carmine Mellone, presidente del CIP Campania (Comitato Italiano Paralimpico), sia Enrico Mosca, vicepresidente dell’UICI Provinciale di Napoli (Unione dei Ciechi e degli Ipovedenti), e anche loro hanno potuto emozionarsi di fronte all’entusiasmo delle persone con disabilità visiva che, immerse nella bellezza della natura, hanno realizzato un primo approccio con i cavalli, godendo di tutti i benefìci che derivano dello stare a contatto con questi splendidi animali. “Fidandosi di loro… ciecamente”, appunto, così come il nome dell’iniziativa. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: uici-anastasia@uicinapoli.it.

Stampa questo articolo