“Dopo e Durante Noi” e progetto di vita: istruzioni per l’uso

Saranno questi i temi di un incontro in programma per il 30 giugno a Prato, voluto appunto per diffondere informazioni sugli orientamenti della Regione Toscana per la realizzazione dei piani individuali di vita delle persone con disabilità (articolo 14 della Legge 328/00), nella prospettiva di un percorso verso una vita piena, indipendente e inclusa nella comunità e verso l’accesso a sistemazioni residenziali inclusive (Legge 112/16 per il “Dopo e Durante Noi”), rivolte alle persone con disabilità intellettive e dello sviluppo con necessità elevate di sostegno

Giovane con disabilità insieme ai genitori«I princìpi della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità costituiscono un manifesto ideale per la nostra Federazione, le nostre articolazioni regionali e la rete associativa che in noi si riconosce. In particolare, l’attuazione dell’articolo 19 della Convenzione (Vita indipendente ed inclusione nella società) e l’obbligo che ne deriva di consentire a tutte le persone con disabilità di scegliere dove e con chi vivere, costituiscono una sfida per le politiche e il sistema di servizi della nostra Regione, soprattutto in relazione alle persone con necessità di livelli elevati di sostegno. Con questo incontro intendiamo diffondere informazioni sugli orientamenti della Regione Toscana per la realizzazione dei piani individuali di vita delle persone con disabilità, come da articolo 14 della Legge 328/00, nella prospettiva di un percorso verso una vita piena, indipendente e inclusa nella comunità e verso l’accesso a sistemazioni residenziali inclusive, come da Legge 112/16 (Legge per il “Dopo e Durante Noi”), per le persone con disabilità intellettive e dello sviluppo con necessità elevate di sostegno».
Viene presentato così, dalla FISH Toscana (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), l’incontro intitolato Legge 112/2016 e progetto di vita: istruzioni per l’uso, organizzato dalla Federazione stessa per venerdì 30 giugno a Prato (presso ANFFAS di Prato, Viale Borgovalsugana, 85, ore 9.30-13), insieme all’ANFFAS Toscana (Associazione Nazionale di Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), all’AIPD di Prato (Associazione Italiana Persone Down) e alle altre organizzazioni locali Gruppo Genitori Giovannini e Orizzonte Autismo.

Aperto dai saluti delle Autorità, l’incontro prevede poi gli interventi di Roberto Speziale, presidente nazionale dell’ANFFAS e di Emilio Rota, presidente della Fondazione Dopo di Noi ANFFAS (La Legge 112/16 e progetto di vita: istruzioni per l’uso), di Ettore Nesi, avvocato (Giurisprudenza sul diritto al piano individuale) e di Donata Vivanti, presidente della FISH Toscana (Il piano individuale nelle politiche della Toscana). Coordinerà i lavori Fiorella Nari, presidente dell’ANFFAS Toscana. (S.B.)

Ringraziamo Simona Lancioni per la segnalazione.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: anffastoscana@anffasms.it.

Stampa questo articolo