Il mese dei volontari dell’AISM

Sono soprattutto giovani, ma non solo, gli oltre 10.000 volontari dell’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), vero e proprio “motore del movimento AISM”. E sono loro stessi, in questo mese di settembre, a parlare nelle piazze italiane dell’esperienza che vivono all’interno di tale Associazione, organizzando anche una serie di incontri, per soffermarsi sulle attività svolte dall’AISM, per spiegare che cosa sia la sclerosi multipla e per esporre i vari modi con cui ci si può attivare concretamente assieme alle tante persone colpite da questa grave malattia del sistema nervoso centrale

Volontari AISM

Due volontari dell’AISM, testimonial della campagna che in questo mese di settembre l’Associazione dedica proprio ai volontari

Per tutto questo mese di settembre, nelle principali piazze italiane, sono i volontari dell’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) a parlare direttamente della loro stessa esperienza, che vivono all’interno di tale Associazione. E sono sempre loro a organizzare una serie di incontri per soffermarsi sulle attività svolte dall’AISM, per spiegare che cosa sia la sclerosi multipla e sui vari modi esistenti (se ne legga anche nel box in calce) per potersi attivare concretamente assieme alle tante persone colpite dalla malattia.
«Oggi – spiegano dall’AISM – sono attivi nella nostra Associazione oltre 10.000 volontari (ogni anno circa 700 di nuovi), che costituiscono il 97% delle nostre risorse. Sono soprattutto i giovani a dedicare il proprio tempo e a rappresentare il cuore, l’anima, le braccia e gli occhi dell’Associazione: sono il “motore del Movimento AISM”, presenti in maniera capillare su tutto il territorio, per far fronte alle esigenze delle 114.000 persone con sclerosi multipla in Italia».

Cronica, imprevedibile e spesso progressivamente invalidante, la sclerosi multipla, lo ricordiamo, è una delle malattie più gravi del sistema nervoso centrale, della quale si stima vi sia nel nostro Paese una diagnosi ogni tre ore.
Si tratta di una patologia che dura tutta la vita e che può manifestarsi in persone di qualsiasi età e condizione. Viene per altro diagnosticata soprattutto alle donne, in misura doppia rispetto agli uomini. L’esordio è tra i 20 e i 40 anni, ovvero il periodo della vita più ricco di progetti per il futuro. Le cause sono ancora sconosciute e non esiste ad oggi una cura risolutiva.

I volontari dell’AISM, dunque, si mettono a disposizione con le loro competenze e capacità per la piena inclusione sociale e una miglior qualità di vita di tutte le persone con sclerosi multipla, impegnandosi in attività tutte ugualmente importanti sia per il presente che per il futuro: si va dalla realizzazione concreta di attività e progetti delle Sezioni territoriali, al supporto diretto alla persona (sostegno alla mobilità personale, alla socializzazione, supporto nella gestione della vita quotidiana); dall’organizzazione di eventi, convegni e incontri di informazione, fino alle attività di sensibilizzazione e raccolta fondi a sostegno della ricerca scientifica.
Per tutto ciò l’Associazione accompagna i volontari stessi in un percorso di formazione personalizzata e puntuale, per far sì che tutti si possano muovere con sicurezza come un corpo unito, consapevole e organizzato.
«Nella nostra Associazione – viene sottolineato in tal senso dall’AISM – il volontario trova le migliori condizioni per esprimere le proprie potenzialità e trasformare il tempo dedicato in un’occasione di crescita, in un’esperienza di valore e per arricchire il proprio percorso di vita». (S.B.)

Per ulteriori approfondimenti, contattare il numero verde 800 138292 oppure accedere al sito dell’AISM e anche alla specifica pagina di esso dedicata al volontariato (a questo link).

L’AISM e i volontari
° Servizio civile AISM
L’AISM offre ai giovani l’opportunità di un’esperienza formativa qualificante e utile nel corso della vita lavorativa. Nell’ultimo anno sono stati 464 i volontari selezionati con il bando e avviati al Servizio Civile nell’Associazione, dedicando oltre 530.000 ore in servizi al territorio, con una copertura di 18 Regioni italiane. Per un anno sono stati impegnati in progetti al fianco di persone con sclerosi multipla.
Il 24% degli oltre 400 giovani in Servizio Civile nel 2015 è poi rimasto nell’AISM come volontario.

° Progetto Young
Riguarda giovani fino a 35 anni, che oltre a contribuire alla realizzazione delle attività di Sezione organizzano incontri sul territorio a carattere formativo e motivazionale sui temi del volontariato, dell’empowerment (“crescita dell’autoconsapevolezza”) e dell’inclusione sociale.
Nel 2016 sono stati 163 i ragazzi coinvolti negli eventi loro rivolti e tra loro anche quelli provenienti dall’esperienza del Servizio Civile.

° Accademia AISM
Esiste da quasi dieci anni ed è una scuola di formazione permanente per i volontari che consente la condivisione dei valori della cultura associativa e lo sviluppo della cooperazione. Questo rende possibile il lavoro sul territorio, per contribuire in modo sostanziale allo sviluppo delle Sezioni e a migliorarne la capacità di rispondere alle esigenze delle persone con sclerosi multipla.
I volontari che entrano nell’AISM vengono affiancati da “volontari senior”, che trasmettono loro conoscenze e competenze, oltre a costruire insieme le abilità che permettono ai nuovi arrivati di diventare autonomi all’interno dell’Associazione.
Sono stati 1.866 i volontari formati nel 2016 attraverso 7.500 ore di formazione.

° A scuola con AISM
L’AISM è presente negli Istituti Superiori e aderire al progetto denominato A scuola con AISM fornisce crediti formativi per gli studenti, a partire dal terzo anno della scuola superiore.

Stampa questo articolo