Quanti anni ancora per riparare quel sollevatore?

«Il diritto allo sport e al tempo libero – scrive Maria Pia Amico – è di tutti e chi vuole o può deve praticarlo con ogni mezzo disponibile e idoneo, tanto più se questo comporta un benessere psicofisico notevole. Aggiustare un sollevatore o cambiarlo non richiede tempi biblici. Un po’ di buona volontà e tutto si sistema». La storia di un sollevatore eternamente rotto in una piscina genovese e degli anni che ancora ci vorranno per riuscire a ripararlo…

Persona con disabilità motoria entra in piscina tramite un sollevatore

Una persona con disabilità motoria entra in piscina tramite un sollevatore (funzionante!)

Mi piace molto andare in piscina. In acqua mi muovo liberamente e mi sento libera. Fino a circa tre anni fa, quindi, andavo quasi regolarmente, una volta alla settimana, alla piscina genovese degli impianti sportivi La Crocera a Sampierdarena, e seppure con qualche difficoltà, riuscivano a mettermi in acqua a braccia, dal momento che il sollevatore è sempre eternamente rotto, a parte un breve periodo nel quale ha funzionato regolarmente.
Da circa due anni, però, non posso più andarci, in quanto il personale si rifiuta di mettermi manualmente in acqua. Ho provato con altre piscine, ma per varie ragioni non sono risultate idonee alle mie esigenze.

Qualche domanda sorge spontanea: perché non viene aggiustato il sollevatore? Forse per problemi di budget? Per questioni burocratiche? O per mancanza di volontà dei responsabili?
Temo che la risposta sia in tutt’e tre le domande, ma soprattutto nell’ultima. Mi riesce difficile, infatti, pensare che per così tanto tempo un macchinario rimanga guasto per motivi economici o per lungaggini burocratiche. Credo piuttosto che l’ignavia e una cattiva politica solidale siano alla base di tutto ciò.

Il diritto allo sport e al tempo libero è di tutti e chi vuole o può deve praticarlo con ogni mezzo disponibile e idoneo, tanto più se questo comporta un benessere psicofisico notevole. Aggiustare un sollevatore o cambiarlo non richiede tempi biblici. Un po’ di buona volontà e tutto si sistema.
Roma non si è fatta in un giorno, ma… dovremmo forse aspettare tempi simili, per avere un macchinario che funzioni?

Persona con disabilità motoria.

Stampa questo articolo