Un buon accordo, raggiunto insieme alle Associazioni

Cinque posti riservati alle persone con disabilità, frutto di un accordo che ha visto la piena partecipazione delle Associazioni locali: è questo il concreto risultato raggiunto a Fermo, nelle Marche, per consentire alle persone con disabilità l’accesso senza discriminazioni all’Ospedale Murri. Un esito, quindi, decisamente positivo, del tutto in linea anche con il motto internazionale delle persone con disabilità, ovvero “Nulla su di Noi senza di Noi”

Sopralluogo dell'area antistante l'ex Pronto Soccorso dell'Ospedale Murri di Fermo, 22 settembre 2017

I partecipanti al sopralluogo dell’area antistante l’ex Pronto Soccorso dell’Ospedale Murri di Fermo

Anche i rappresentanti dell’Associazione Zero Gradini per Tutti di Porto San Giorgio (Fermo) e dell’AISM locale (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), hanno partecipato nei giorni scorsi al sopralluogo eseguito presso l’area antistante l’ex Pronto Soccorso dell’Ospedale Murri di Fermo, nelle Marche, dando voce ad altre organizzazioni, quali il Comitato Marchigiano per la Vita Indipendente delle Persone con Disabilità e l’UNITALSI. Insieme a loro, vi erano gli esponenti dell’ASUR (Azienda Sanitaria Unica Regionale), del Comune fermano e della Polizia Municipale.
Per l’occasione, dunque, sono stati attentamente valutati sia l’area che gli spazi già occupati dai parcheggi, ed è emersa la concreta possibilità di ristrutturare l’attuale disposizione dei posti auto, aumentandone il numero. È stato quindi deciso, di comune accordo tra le parti, di collocare nel sito cinque posti riservati alle persone con disabilità.
«Siamo molto soddisfatti di questo risultato – commentano le Associazioni coinvolte – e ringraziamo sia l’ASUR che il Comune e la Polizia Municipale di Fermo per la collaborazione. Del resto, il diritto per le persone con disabilità di accedere all’Ospedale senza discriminazioni non è una concessione, ma è appunto un diritto sancito dalla stessa Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità. Ora, quindi, non resta altro che seguire i lavori, auspicando che quanto concordato venga realizzato nel più breve tempo possibile».
Un esito del tutto positivo, quindi, che è anche del tutto in linea con il motto internazionale delle persone con disabilità, vale a dire Nulla su di Noi senza di Noi. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Zero Gradini per Tutti (Pasqualino Virgili), zerogradinipertutti@gmail.com.

Stampa questo articolo