La Lombardia trovi altri fondi per le non autosufficienze

«La Lombardia deve reperire ulteriori risorse dai propri Fondi Regionali, da destinare alle persone con disabilità gravissima, così da permetter loro di continuare a vivere con dignità a casa propria e non dentro una residenza sanitaria»: lo dichiarano dall’Associazione Comitato 16 Novembre (SLA e Malattie Altamente Invalidanti), denunciando che finora, invece, l’unico atto concreto ha portato «a tagliare fino a 800 euro alle persone con basso reddito e in dipendenza vitale, senza trovare soluzioni diverse»

Particolare di donna in carrozzina spinta da un uomo non disabile«Nella sua ultima Delibera in materia di non autosufficienza, l’Assessorato al Reddito di Autonomia e Inclusione Sociale della Regione Lombardia non ha saputo far meglio che tagliare fino a 800 euro alle persone con basso reddito e in dipendenza vitale, senza trovare soluzioni diverse. Quindi una famiglia che prima riusciva ad assumere, seppur con fatica, un assistente e/o ad acquistare servizi assistenziali, farmaci ecc., privata di queste risorse collassa!».
La denuncia arriva in una nota prodotta dall’Associazione Comitato 16 Novembre (SLA e Malattie Altamente Invalidanti), in cui si sottolinea che la quota del Fondo Nazionale per le Autosufficienze, ricevuta dalla Lombardia per il 2017, è di circa 61 milioni, che però «non bastano più, perché la platea degli aventi diritto si è ampliata. Come è possibile, ora, che non si riescano a reperire ulteriori risorse dai Fondi Regionali, da destinare alle persone con disabilità gravissima, così da permetter loro di continuare a vivere con dignità a casa propria e non dentro una residenza sanitaria?».
La richiesta espressa dunque con forza dal Comitato 16 Novembre al Presidente e alla Giunta della Regione Lombardia, è quella di «fare uno sforzo per individuare risorse regionali, finanziando un po’ di più le famiglie, ciò che consentirà di alleviare il carico immenso cui sono sotoposti i caregiver [“assistenti di cura familiari”, N.d.R.], facendo vivere a casa propria e dignitosamente le persone non autosufficienti, una cosa non solo giusta, ma necessaria». (S.B.)

Al blog dell’Associazione Comitato 16 Novembre è disponibile il testo integrale della nota riguardante la Regione Lombardia. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: comitato16novembre@gmail.com (Francesca Cicirelli).

Stampa questo articolo