A scuola e nella società con tutti e come tutti

«Fornire gli elementi necessari ad acquisire una maggiore consapevolezza sulle dinamiche storiche, culturali e sociali che stanno alla base della complessiva condizione di svantaggio e emarginazione dei ragazzi stranieri con disabilità e fornire qualche concerto elemento per riconoscere e contrastare le situazioni di discriminazione»: con questo obiettivo, la Federazione lombarda LEDHA promuoverà da domani, 17 ottobre, a Crema, il ciclo di incontri formativi “A scuola con tutti e come tutti. Nella società con tutti e come tutti”, proseguendo successivamente anche a Mantova e Milano

Due ragazze a scuola, una delle quali di origine stranieraPrenderà il via domani, 17 ottobre, a Crema (Cremona), proseguendo successivamente anche a Mantova e Milano, il ciclo di incontri formativi denominato A scuola con tutti e come tutti. Nella società con tutti e come tutti, promosso dalla LEDHA, la Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità, che costituisce la componente lombarda della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), nell’àmbito del progetto regionale PRE.Ce.DO.
«L’obiettivo – spiegano i promotori dell’iniziativa – è quello di realizzare un’azione di informazione, sensibilizzazione e formazione molto ampia e diffusa sul territorio, attraverso la proposta di brevi cicli di incontri formativi da tenere nelle scuole e destinati ad insegnanti, dirigenti scolastici, educatori ed operatori dei servizi territoriali».

Il ciclo fomativo, dunque, verterà principalmente sul tema dell’inclusione (scolastica e sociale) dei ragazzi stranieri con disabilità, spesso soggetti a molteplici forme di discriminazione, proprio in virtù della loro doppia condizione di svantaggio.
«Intendiamo fornire ai partecipanti – spiegano in tal senso dalla LEDHA – gli elementi necessari ad acquisire una maggiore consapevolezza sulle dinamiche storiche, culturali e sociali che stanno alla base della complessiva condizione di svantaggio e emarginazione in cui si trovano questi ragazzi e fornire qualche concreto elemento per poter contribuire a riconoscere e contrastare le situazioni di discriminazione, con l’obiettivo di eliminarle e di creare un contesto inclusivo per tutti».

L’incontro del 17 ottobre, intitolato Bambini stranieri con disabilità… a casa e nella società. Responsabilità istituzionali, responsabilità sociali, sarà condotto da Laura Abet, avvocato della LEDHA, quello del 24 ottobre sarà invece La disabilità questa (s) conosciuta: in Italia e … all’estero, a cura di Matteo Schianchi, storico, e quello infine del 7 novembre Bambini stranieri con disabilità a scuola: dei diritti … e delle pene!, a cura di Gaetano De Luca, avvocato della LEDHA. (S.B.)

I tre inconti di cui si parla nella presente nota si svolgeranno all’Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa di Crema (Via Piacenza, 52/C), sempre dalle 15 alle 18. La partecipazione è libera e gratuita, ma è necessario iscriversi tramite il sito di PRE.Ce.DO.
Il ciclo formativo è rivolto a insegnanti di sostegno e curricolari di scuole di ogni ordine e grado, operatori sociali attivi nel mondo della scuola, leader associativi e ogni altra persona interessata.
Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@ledha.it (Ilaria Sesana).

Stampa questo articolo