I vari servizi sociosanitari delle Marche

Qual è, nelle Marche, l’offerta attuale di servizi domiciliari, diurni e residenziali? Come si compongono e integrano i fondi nazionali e quelli regionali? E ancora, come vengono definite le quote sanitarie all’interno dei servizi sociosanitari stessi e a chi compete (e come) il pagamento delle quote sociali? Infine, quali sono le caratteristiche dei fondi vincolati e di quelli indistinti? A tali quesiti si propone di rispondere un nuovo corso promosso dal Gruppo Solidarietà, che si concretizzerà in due incontri successivi, nel pomeriggio di oggi, martedì 17, e martedì 24 ottobre

Persona con disabilità in carrozzina e persona senza disabilitàQual è, nelle Marche, l’offerta attuale di servizi domiciliari, diurni e residenziali? Come si compongono e integrano i fondi nazionali e quelli regionali? E ancora, come vengono definite le quote sanitarie all’interno dei servizi sociosanitari stessi e a chi compete (e come) il pagamento delle quote sociali? Infine, quali sono le caratteristiche dei fondi vincolati e di quelli indistinti?

A tali quesiti si propone di rispondere il corso intitolato Offerta e regolamentazione dei servizi sociosanitari domiciliari, diurni e residenziali nelle Marche, nuova proposta del Gruppo Solidarietà, che si concretizzerà in due incontri successivi, il primo nel pomeriggio di oggi, martedì 17, il secondo martedì 24 ottobre (Sala Lussu della Biblioteca Comunale di Moie Maiolati Spontini in provincia di Ancona, Via Fornace, 23, ore 14.45-18).

Condotti da Fabio Ragaini, i due incontri punteranno soprattutto a mettere in relazione lo stato dell’offerta, la regolamentazione di essa, il quadro normativo e il bisogno rilevato, attraverso l’analisi dei dati disponibili.
Destinatari saranno tutti coloro che operano all’interno del sistema dei servizi sanitari e sociosanitari, ma l’iniziativa può risultare certamente utile a chi desidera conoscerne meglio l’organizzazione e le varie competenze istituzionali. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: grusol@grusol.it.

Stampa questo articolo