Una bella possibilità di accesso alla natura

Domani, 1° novembre, a Bologna, “Trekking Urbano 2017”, la quattordicesima Giornata Nazionale di un evento annuale basato sul cammino alla scoperta di tante città d’arte italiane e del loro territorio, diventerà ancora una volta paratrekking, grazie alla Società Cervelli in Azione, che in collaborazione con la Consulta Escursionismo Bologna e con la locale Sezione CAI, ha predisposto un nuovo itinerario, studiato e testato, rivolto anche alle persone con disabilità in carrozzina, creando così una bella possibilità di accesso alla natura anche a chi solitamente non ne ha l’opportunità

San Lazzaro di Savena (Bologna), Museo della Preistoria Luigi Donini

Il Museo della Preistoria Luigi Donini di San Lazzaro di Savena sarà la prima tappa dell’escursione del 1° novembre aperta anche alle persone con disabilità, nell’àmbito di “Trekking Urbano 2017”

Domani, 1° novembre, a Bologna, Trekking Urbano 2017, la quattordicesima Giornata Nazionale di un evento annuale basato sul cammino alla scoperta di tante città d’arte italiane e del loro territorio, diventerà per la terza volta paratrekking, grazie a un’iniziativa della Società Cervelli in Azione, in collaborazione con la Consulta Escursionismo Bologna e con la locale Sezione CAI Mario Fantin, che presenterà per l’occasione un nuovo itinerario studiato e testato (3,6 chilometri per circa 4 ore), rivolto alle persone con disabilità e non solo: un escursione lungo il Savena, che porterà i partecipanti dal Parco dei Cedri allo stadio di baseball (ore 9.30).

«Come prima tappa – spiegano i promotori – è prevista la visita al Museo della Preistoria Luigi Donini di San Lazzaro di Savena con i suoi reperti e ritrovamenti archeologici. Si proseguirà poi costeggiando la sponda del lungoSavena, inseguendo le sue tracce e il confine naturale che il rio d’acqua segna con il Parco dei Cedri. Qui alberi antichi, monumentali e di origine esotica si alternano a pioppi, salici, ontani e frassini, contornando le larghe distese di prato verde, attraversato da piccole stradicciole di solida terra battuta, per raggiungere, come ultima tappa, lo stadio di baseball».
La guida che accompagnerà i partecipanti lungo tutto il tragitto sarà Alessandro Geri, storica figura del CAI locale e nazionale e della Consulta Escursionismo, che seguendo il tema di Trekking Urbano 2017 (A passo di trekking tra misteri e leggende), racconterà varie storie connesse al lungofiume.

«Seppure di difficoltà intermedia – sottolineano poi da Cervelli in Azione – il percorso selezionato è praticabile e vuole coinvolgere chi utilizza la carrozzina, permettendo l’addentrarsi nella natura e nel territorio. Una camminata, dunque, che si propone ancora una volta di creare una possibilità di accesso alla natura anche a chi, a causa della propria disabilità fisica, solitamente non ne ha l’opportunità. Un’apertura verso zone che a prima vista possono sembrare difficili, ma che con i giusti accorgimenti si tramutano in una scelta personale di partecipazione e non di esclusione. Un rilanciare ad alta voce che anche le persone con disabilità possono camminare con i propri mezzi lungo i sentieri meno artificiali e asfaltati, ma anche su quelli tracciati in/e dalla natura stessa». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: segreteria@cervelliinazione.it.

Stampa questo articolo