Psicologia sotto analisi, psicologia della sordità

«Quando andare dallo psicologo? È proprio necessario? Che differenza c’è tra un terapeuta e un amico? Esiste la psicologia della sordità?»: sono alcune delle domande a cui cercherà di rispondere domani, 3 novembre, a Siena, la psicologa sorda Valentina Foa, protagonista di “La psicologia sotto analisi”, secondo incontro della nuova stagione dei “Venerdì del Pendola”, l’iniziativa dedicata a educazione, interpretariato, lingua e cultura sorda, promossa dalla ONLUS MPDF (Mason Perkins Deafness Fund), con il patrocinio dell’ENS locale (Ente Nazionale Sordi), del Comune e della Provincia di Siena

Valentina Foa

La psicologa sorda Valentina Foa, che sarà la protagonista, a Siena, del secondo incontro organizzato per la nuova stagione dei “Venerdì del Pendola”

«Quando andare dallo psicologo? Perché proprio ora? È meglio aspettare? È proprio necessario? Ci vanno solo i “matti”? Quanto dura? Può farci del bene? Perché a volte si sta male? Che differenza c’è tra un terapeuta e un amico? Esiste la psicologia della sordità?».
A queste e ad altre domande cercherà di rispondere domani, venerdì 3 novembre, a Siena (presso la sede di MPDF, via Tommaso Pendola, 37, ore 15.30), la psicologa sorda Valentina Foa, protagonista di La psicologia sotto analisi, secondo incontro con cui proseguirà la nuova stagione dei Venerdì del Pendola, l’iniziativa dedicata a educazione, interpretariato, lingua e cultura sorda, da noi già ampiamente presentata, promossa dalla ONLUS MPDF (Mason Perkins Deafness Fund), con il patrocinio dell’ENS locale (Ente Nazionale Sordi), del Comune e della Provincia di Siena.

«Foa – annotano da MPDF – si confronterà con il pubblico, analizzando cosa sia realmente il “benessere psicologico” e quale sia il suo scopo, per far sì che uno spazio di consulenza psicologica possa diventare un momento accogliente e utile a generare conoscenza e dare senso ai propri vissuti. L’incontro sarà anche l’occasione per usare una lente d’ingrandimento sui servizi psicologici presenti sul territorio della nostra ONLUS». (S.B.).

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: press@mpdfonlus.com (Luisa Carretti).

Stampa questo articolo