- Superando.it - http://www.superando.it -

“Happy Hand in Tour” a Faenza, per raccontare la disabilità tra sport e gioco

"Happy Hand in Tour", Forlì, giugno 2017, postazione FISH

La postazione della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) alla tappa di Forlì, che ha aperto la seconda stagione di “Happy Hand in Tour”

Si era aperta nel giugno scorso a Forlì e sta ora per tornare in Romagna la seconda stagione di Happy Hand in Tour, il progetto che tramite lo sport e l’espressione creativo-artistica, trasmette da più di due anni una nuova cultura sulla disabilità, in tanti Centri Commerciali del nostro Paese, per volontà della Società IGD (Immobiliare Grande Distribuzione), della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e del CIP (Comitato Italiano Paralimpico), oltreché dell’Associazione WTKG (Willy the King Group) e – da quest’anno – di due nuovi partner, ovvero l’UISP (Unione Italiana Sport per Tutti) e il il CSI (Centro Sportivo Italiano).
Accadrà nel prossimo fine settimana a Faenza (Ravenna), dove la prima edizione della manifestazione aveva già fatto tappa nella primavera dello scorso anno, facendo registrare una notevole partecipazione.

L’appuntamento è quindi per domani, 4 novembre e domenica 5, al Centro Commerciale Le Maioliche (Via Bisaura, 3), dove si succederanno alcune belle iniziative di sport e gioco, lasciando naturalmente spazio anche all’informazione e alla sensibilizzazione.
Nel pomeriggio di sabato, per incominciare, verrà riproposta un’attività già protagonista a Forlì, quella cioè del basket in carrozzina, con l’esibizione degli atleti del Wheelchair Basket Forlì, associato all’UISP.
E sempre dall’UISP di Forlì-Cesena, in collaborazione con quella di Imola-Faenza, arriveranno anche, nel pomeriggio di domenica, alcuni percorsi di giochi motòri.
Ancora nel pomeriggio di sabato, l’Associazione di Promozione Sociale Sorridi alla Vita, nata allo scopo di promuovere l’integrazione e il reinserimento sociale di coloro che presentano disabilità acquisita, presenterà Passaggi di palla con gioia, attività sportiva e ludica tutta all’insegna dell’inclusione, aperta cioè a bambini e giovani con e senza disabilità.
L’iniziativa verrà replicata anche domenica, sia in mattinata (ore 11), che nel pomeriggio (ore 17.30).
Da ultimo, ma non certo ultimo, per tutte e due le giornate la Società Okay Animazione, da molti anni specializzata nell’organizzazione di eventi come questo e già protagonista in numerose tappe di Happy Hand in Tour, coinvolgerà bambini e ragazzi in una serie di giochi e momenti di intrattenimento.
Da ricordare, infine, che sia sabato che domenica verranno allestite alcune postazioni, con la distribuzione di materiale informativo e anche la proiezione di videofilmati, a cura della FISH, della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) e delle altre organizzazioni promotrici delle varie iniziative.

Vale senz’altro la pena, a questo punto, tornare a sottolineare le cifre riguardanti la prima stagione di Happy Handy in Tour: in dodici mesi, infatti, sono state ben 154 le iniziative in 11 Regioni italiane, con il coinvolgimento di 500 volontari, 200 tra associazioni e gruppi sportivi, culturali e musicali e migliaia di persone ad incuriosirsi e ad appassionarsi. Un grande successo popolare, che ha colto appieno il messaggio culturale basato innanzitutto sul principio che la disabilità non è dipendenza, né malattia, ma un fatto strettamente connesso all’ambiente, alla cultura e ai pregiudizi. Un successo, inoltre, che le prime tappe della nuova stagione stanno confermando e via via incrementando.
Tutto ciò è stato possibile, come detto, innanzitutto grazie alla Società Immobiliare Grande Distribuzione (IGD), uno dei principali player in Italia nel settore immobiliare della grande distribuzione organizzata, con quotazione in borsa, che sviluppa e gestisce Centri Commerciali su tutto il territorio nazionale. E al fianco di IGD la FISH, Federazione che raggruppa decine di Associazioni di persone con disabilità e delle loro famiglie, il CIP (Comitato Italiano Paralimpico), e l’Associazione WTKG (Willy the King Group), fondata da William “Willy” Boselli, persona con tetraplegia, vero e proprio “veterano” di questo tipo di eventi. Ma anche due nuovi partner come l’UISP (Unione Italiana Sport per Tutti) e il CSI (Centro Sportivo Italiano), vale a dire le due Associazioni che maggiormente favoriscono la promozione dell’attività sportiva in Italia.

Da segnalare, infine, che dopo la tappa di Faenza, Happy Hand in Tour proseguirà la sua marcia l’11 e 12 novembre al Centro Fonti del Corallo di Livorno, proprio nella città dove tutto era incominciato, più di due anni fa. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: presidenza@fishonlus.it (Segreteria Nazionale FISH); nuovegenerazioni1@gmail.com (Carlo Pantaleo); uildmra@libero.it (Aristide Savelli) simone@okayanimazione.it (Simone Tommolini).