L’accessibilità nell’era digitale

«L’accesso alle informazioni è un diritto essenziale, che grazie anche alla diffusione delle tecnologie digitali, può essere garantito più facilmente, ma rimangono sul tavolo diverse questioni di àmbito tecnico, giuridico e pratico, in un contesto in cui le disabilità, nel loro complesso, sono in crescita»: partirà da qui il seminario di domani, 22 novembre, a Milano, intitolato “Sfide e contraddizioni all’accessibilità nell’era digitale” e organizzato dalla Società Cenfor. Vi interverranno anche la Fondazione LIA (Libri Italiani Accessibili) e i responsabili del Progetto “LeggoFacile”

Pagine di libro sfogliate su un computer aperto«L’accesso alle informazioni è un diritto essenziale, che grazie anche alla diffusione delle tecnologie digitali, può essere garantito più facilmente. Alcune limitazioni del mondo analogico vengono più facilmente superate, ma rimangono sul tavolo diverse questioni di àmbito tecnico, giuridico e pratico. Tutto questo in un contesto in cui le disabilità, nel loro complesso, sono in crescita, considerando anche l’invecchiamento della popolazione».
Partirà da questo concetto di fondo il seminario in programma per domani, mercoledì 22 novembre, a Milano (Aula Maria Immacolata dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Largo Agostino Gemelli, 1, ore 9.15-13.30), intitolato Sfide e contraddizioni all’accessibilità nell’era digitale, iniziativa organizzata dal Cenfor, Società impegnata nella distribuzione dell’informazione digitale.

L’incontro seguirà e completerà un primo appuntamento sul tema eBook e Accessibilità, tenutosi nel marzo di quest’anno sempre a Milano, in occasione del Convegno La Biblioteca Aperta tecniche e strategie di condivisione.
Questa volta l’attenzione sarà centrata in particolare sulle sfide dell’accessibilità nell’era digitale sia in àmbito giuridico, che in àmbito tecnologico, con l’obiettivo di fare emergere anche i paradossi e le contraddizioni che da ciò derivano.
Per la parte giuridica, verrà fatto particolare riferimento al tema del copyright, analizzando le varie possibilità di cui le biblioteche possono o non possono beneficiare per garantire a tutti gli utenti il più ampio accesso digitale alle collezioni. Riguardo invece le sfide di tipo tecnologico, l’analisi si focalizzerà innanzitutto sui bisogni degli utenti con disabilità  e sulle varie opportunità create dal progresso tecnologico.
«Altro scopo di questo incontro – sottolineano dal Cenfor – sarà quello di coinvolgere non solo tutta la comunità di coloro che sono interessati alla fruizione delle risorse nel settore della ricerca o in quello didattico e di coloro che sono coinvolti nel processo editoriale, ma anche quello di fornire ai comuni cittadini consapevolezza sul come potrebbero intervenire e muoversi intorno a queste tematiche».

Rimandando i Lettori al programma completo del seminario (a questo link), segnaliamo qui che tra i relatori – oltre ad alcuni autorevoli ospiti provenienti da Danimarca e Gran Bretagna – vi saranno anche Cristina Mussinelli, segretario generale della Fondazione LIA (Libri Italiani Accessibili), Alessandra Mastrangelo della Rete Bibliotecaria Bergamasca e Andrea Mangiatordi dell’Università Milano Bicocca. Questi ultimi si soffermeranno sul Progetto LeggoFacile,  la bella iniziativa di cui anche il nostro giornale si è ampiamente occupato, curata dal Sistema Bibliotecario della Valle Seriana e dalla Biblioteca Civica di Treviglio, in collaborazione con la Rete Bibliotecaria Bergamasca, con il principale obiettivo di garantire equità di accesso all’informazione e alla lettura, per tutti. (S.B.)

Ringraziamo per la segnalazione la redazione di “LeggoFacile”.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@cenfor.it; info@leggofacile.it.

Stampa questo articolo