La nostra presenza costante, oltre il 3 Dicembre

«Continueremo ad esserci anche dopo questo 3 Dicembre, con immutata determinazione e impegno, vigilando, proponendo, protestando quando necessario. Per il nostro movimento non è stata una ricorrenza da festeggiare, ma l’occasione per aprire uno spazio di attenzione sulle condizioni di vita di milioni di persone con disabilità e per raccontare come, a condizioni adeguate, esse possano essere davvero incluse nelle loro collettività di riferimento»: lo si legge in una nota della Federazione FISH, diffusa in occasione del 3 Dicembre, Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità

Realizzazione grafica dedicata ai diritti delle persone con varie forme di disabilità

Una realizzazione grafica dedicata ai diritti (“Rights”) di persone con varie e diverse forme di disabilità

«Per il nostro movimento, che va ben oltre la nostra sigla pur ampiamente federativa, quella del 3 Dicembre non è stata una ricorrenza da festeggiare, anzi. Ha rappresentato invece l’occasione per aprire uno spazio di attenzione sulle condizioni di vita di milioni di persone con disabilità nella nostra società e per raccontare come, a condizioni adeguate, esse possano essere davvero incluse nelle loro collettività di riferimento».
Lo si legge in una nota diffusa dalla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), in occasione del 3 Dicembre, Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità.

«La cronaca – prosegue la nota – riporta ancora e troppo spesso storie di discriminazione, situazioni di esclusione, episodi di odio, bullismo, violenza, sacche di segregazione. Ma oltre a questo mosaico negativo, in modo evidente, ci sono anche drammi umani e familiari che si consumano nel silenzio dell’isolamento e della rassegnazione, quasi fossero l’esito ineluttabile di tragiche fatalità delle quali non esistono responsabili e responsabilità: nella scuola, nel lavoro, nelle nostre città, nelle politiche inclusive. Per tutto ciò, la Giornata internazionale delle Persone con Disabilità è stata per il nostro movimento anche l’occasione per rilanciare una sfida costruttiva e propositiva alle forze politiche nella Capitale e in ogni singola Regione».

«A tal proposito – viene sottolineato dalla FISH – va ricordata l’imminente pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del nuovo Programma di Azione Biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità, documento che pone con chiarezza gli obiettivi e le modalità per garantire finalmente i diritti umani delle persone con disabilità e alla cui stesura anche la nostra Federazione ha intensamente collaborato. In quel Programma tutti gli àmbiti trattati sono centrali per la concreta applicazione della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità: diritto allo studio, al lavoro, alla salute, alla mobilità, alla vita indipendente, al riconoscimento della condizione di disabilità, agli interventi in ambito di cooperazione internazionale, ai sistemi di rilevazione statistica. In occasione, dunque, della Giornata Internazionale appena passata, vogliamo chiedere con chiarezza: qual è l’impegno – punto per punto – delle forze politiche che ora stanno per approvare la Legge Finanziaria e che fra qualche settimana inizieranno a confrontarsi nella campagna elettorale?».

«Vorremmo – si legge ancora – che questa non fosse stata “solo” una Giornata della consapevolezza, condizione pur essenziale per ripensare, con il pieno coinvolgimento delle persone con disabilità, ad una strategia che superi, in tempi non generazionali, l’esclusione sociale, garantendo per davvero pari opportunità e diritti umani. Vorremmo infatti che la data del 3 Dicembre coincidesse anche con l’assunzione di impegni integranti dei futuri programmi e azioni di governo, indipendentemente dagli schieramenti o dagli esiti delle prossime consultazioni. In altre parole: si esprima con chiarezza e puntualità chi si candida a guidare il Paese. E nel frattempo vi è anche una Legge Finanziaria che necessita di scelte scevre da tentennamenti, innanzitutto sui Fondi (Politiche Sociali; Non Autosufficienza; “Dopo di Noi”; Scuola; Lavoro) che riguardano famiglie e persone con disabilità e che non possono essere messi in discussione od oggetto di riduzione o di trasferimenti».

«Noi di FISH – conclude la nota – continueremo ad esserci anche dopo questo 3 Dicembre, con immutata determinazione e impegno, vigilando, proponendo, protestando quando necessario». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@fishonlus.it.

Stampa questo articolo