Faccia a faccia con la disabilità

«Un viaggio faccia a faccia con la disabilità, un intenso gioco di specchi tra chi guarda e chi accetta di essere guardato, per superare i pregiudizi che spesso caratterizzano la percezione dell’handicap e arrivare a riconoscersi simili e partecipi della stessa avventura»: così è stato scritto di “Vis-à-vis”, mostra del fotografo Federico Giammattei, visitabile a Lucca fino al 7 gennaio, e nella quale le protagoniste sono le persone con disabilità dell’ANFFAS

Visitatori alla mostra di Lucca "Vis-à-vis"

Visitatori alla mostra fotografica di Federico Giammattei “Vis-à-vis”, visitabile a Lucca fino al 7 gennaio

Sono le persone dell’ANFFAS di Lucca (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), i protagonisti di Vis-à-vis, mostra del fotografo Federico Giammattei, visitabile fino al 7 gennaio nella città toscana, al Palazzo delle Esposizioni della Fondazione Banca del Monte di Lucca (Piazza San Martino, 7). I vari scatti esposti, infatti, ne ritraggono i volti l’attimo prima di entrare in scena, in occasione dei laboratori teatrali da loro frequentati, con tutta l’emozione di salire sul palco e mostrare il loro talento di attori e comunicatori.

Promossa insieme all’ANFFAS dalle Fondazioni Banca del Monte di Lucca e Lucca Sviluppo, «la mostra – come è stato scritto – si struttura come un viaggio faccia a faccia con la disabilità, un intenso gioco di specchi tra chi guarda e chi accetta di essere guardato, per superare i pregiudizi che spesso caratterizzano la percezione dell’handicap e arrivare a riconoscersi simili e partecipi della stessa avventura».

Nato e cresciuto a Lucca, Federico Giammattei è stato inviato per alcune testate presso i principali Festival Cinematografici in Europa, portando avanti in contemporanea gli studi al DAMS di Bologna. Ha poi ricoperto negli ultimi anni i suoi primi incarichi come direttore della fotografia, iniziando quindi a collaborare con la casa di produzione MAP, in àmbito cinematografico, televisivo e fotografico, continuando tuttavia anche la sua principale attività di ritrattista.
Da tempo, parallelamente al suo lavoro, Giammattei segue numerosi progetti personali, primo fra tutti quello nato dalla collaborazione con i Centri ANFFAS di Lucca, «dove è riuscito a educare i ragazzi alla propria immagine – come spiegano dall’Associazione -, vincendo la vergogna, la paura e l’incredulità che un occhio esterno suscitava in loro». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Anna Benedetto (anna.benedetto.lucca@gmail.com).

Stampa questo articolo