Quei parcheggi continuano a restare riservati a pochi eletti

«A Pescara – aveva dichiarato qualche mese fa Claudio Ferrante, presidente dell’Associazione Carrozzine Determinate Abruzzo – i politici locali si contendono i parcheggi preclusi da una sbarra, riservati agli Amministratori e ai Consiglieri Comunali, senza minimamente pensare che quei parcheggi potrebbero essere messi a disposizione delle persone con gravi disabilità, per le quali, in quell’area, è quasi impossibile trovare parcheggi per recarsi negli uffici pubblici»: ebbene, a giudicare da una nuova recente protesta delle Carrozzine Determinate, il problema appare tutt’altro che risolto

Gennaio 2018: Associazione Carrozzine Determinate Abruzzo davanti al Comune di Pescara, insieme a Jimmy Ghione

Il gruppo dell’Associazione Carrozzine Determinate Abruzzo, davanti al Palazzo Comunale di Pescara, insieme a Jimmy Ghione, inviato di “Striscia la Notizia”

«Più di una volta avevamo sollecitato i politici “dalle gambe buone” a rinunciare almeno in parte al privilegio dei parcheggi riservati, quanto meno nelle immediate vicinanze dell’ingresso riservato alle persone con disabilità, che è già ingresso diverso da quello principale. Affiancati anche da Jimmy Ghione, noto inviato del programma televisivo Striscia la Notizia, avevamo anche incassato dal Consiglio Comunale la promessa di realizzare nuovi parcheggi riservati entro Natale. Natale però è passato e di quei parcheggi non vi è nemmeno l’ombra, salvo un nuovo annuncio di prossimi stalli per persone con disabilità entro il mese di gennaio, ma comunque in zone molto lontane dall’ingresso disabili del Palazzo Comunale, in posizioni molto pericolose e piene di barriere architettoniche».
È quanto si legge in una nota diffusa dall’Associazione Carrozzine Determinate Abruzzo, i cui componenti si sono ritrovati davanti al Comune di Pescara, continuando quindi nella loro battaglia per i parcheggi vicini al Palazzo Municipale, di cui avevamo riferito qualche mese fa anche sul nostro giornale.
In tale occasione Claudio Ferrante, presidente delle Carrozzine Determinate, parlando di “sbarra dei privilegi”, si era espresso così: «I politici locali si contendono i parcheggi preclusi da una sbarra, riservati appunto agli Amministratori e ai Consiglieri Comunali. Queste categorie parlano sin troppo spesso di sensibilità, senza però che a nessuno venga in mente che quei parcheggi potrebbero essere messi a disposizione di chi è titolare del contrassegno invalidi e quindi delle persone con gravi disabilità. Anche perché in quell’area ci sono tante sedi istituzionali e per chi ha gravi problemi fisici o è non vedente, è quasi impossibile trovare parcheggi per recarsi negli uffici pubblici». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: carrozzinedeterminate@hotmail.it.

Stampa questo articolo