- Superando.it - http://www.superando.it -

Accanto alle mamme con sclerosi multipla

Immagine simbolo del Progetto "soSMamma"

L’immagine simbolo del Progetto “soSMamma”

Dall’esperienza maturata dall’AISM di Roma (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) e dall’Ambulatorio SMamma del Policlinico Tor Vergata, è nato il progetto denoninato soSMamma – percorso di supporto alla maternità per le donne con sclerosi multipla, con l’obiettivo di fornire alle donne con sclerosi multipla un sostegno mirato a fronteggiare il periodo successivo al parto.
«Nel panorama socio-sanitario italiano – spiegano dall’AISM capitolina – non esistono, se non a pagamento, servizi o attività dedicati alla fase successiva al parto, e ancor più questa carenza si rileva nell’àmbito della sclerosi multipla, nonostante il post partum sia stato indicato come una fase molto delicata per le donne con questa patologia, in quanto più soggette a ricadute e quindi, di conseguenza, alla perdita momentanea di alcune funzioni cognitive e fisiche, che possono essere limitanti nella cura del bambino. soSMamma prevede un gruppo di lavoro composto da operatori professionisti (ostetrica, terapista occupazionale, psicologo, e puericultrice), che a partire dalla fase immediatamente successiva al parto, si recheranno a domicilio della donna con sclerosi multipla, allo scopo di fornire informazioni, proporre interventi socio-sanitari, suggerire soluzioni alle problematiche quotidiane, rilevare situazioni di potenziale emergenza. Il team offrirà quindi la qualità e la varietà di prestazioni di un vero e proprio ambulatorio polispecialistico, erogate però a domicilio, in modo da ridurre il disagio degli spostamenti e favorire l’adattamento dell’ambiente alle nuove esigenze della donna e del neonato».
Si tratta dunque di un’iniziativa che si presenta all’insegna dell’innovazione reale, e non solo per la tipologia degli interventi previsti, ma anche perché consentirà di raccogliere dati su un campione di donne con sclerosi multipla in gravidanza o madri da meno di un anno. Si prevede infatti, nell’arco di due anni e tenendo conto dei tempi naturali della gravidanza, di includere venticinque donne con sclerosi multipla a partire dalla prima settimana di vita del bambino».

Partner del progetto è L’Alveare, coworking con spazio baby di Roma, primo esempio di welfare urbano che integra al coworking (“condivisione dell’ambiente di lavoro”) un servizio educativo innovativo e che è nato da un’idea di Città delle mamme, Associazione di Volontariato attiva dal 2009.

Per sostenere soSMamma, oltre alla campagna di crowdfunding (raccolta fondi nel web) attiva già da qualche settimana (a questo link), è in programma per il 14 gennaio (ore 10.30-16.30), anche l’originale evento La solidarietà ti fa bella, promosso sempre dall’AISM di Roma, in collaborazione con l’ambasciatore e stilista L’Oréal Professionnel Orazio Anelli e ospitata presso l’Accademia L’Oréal di Roma (Piazza Mignanelli, 23).
Qui ben trenta acconciatori saranno a disposizione per offrire una messa in piega a donne e uomini, in cambio di una donazione, totalmente libera, e destinata appunto a supportare soSMamma. Quale testimonial sarà presente Alice Paba, cantautrice che nel 2016 si è aggiudicata il talent show The Voice of Italy e verrà anche allestito uno spazio baby, a cura dell’Associazione Culturale Via Andante, che consentirà ai bambini di giocare in uno spazio a loro riservato.
Per chi invece non potrà recarsi presso la sede prevista per l’iniziativa, sarà possibile partecipare prendendo un appuntamento a domicilio, grazie alla collaborazione con Moovage, progetto di bellezza on delivery (lettralemente “in consegna”), già attivo su Roma e Milano.

E ancora, la giornata sarà arricchita da una tavola rotonda (ore 12), che vedrà la partecipazione di numerose Associazioni e realtà, sul tema della maternità e delle difficoltà da affrontare nel primo anno di vita del bambino. In particolare, si approfondiranno i problemi delle neomamme e si parlerà dei servizi offerti dalle Associazioni e dalle altre realtà del territorio, per sopperire in qualche modo alle carenze nella sanità e in tutti gli altri settori.
Nel pomeriggio, infine, vi sarà la sfilata di moda della designer Pinda Kida. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti (oltreché per le necessarie prenotazioni all’evento del 14 gennaio): valentina.castellani@aism.it.