Una borsa di studio per diventare professionisti in àmbito di sordità infantile

«In venticinque anni, molti brillanti giovani sordi hanno avuto l’opportunità di formarsi negli Stati Uniti e, una volta rientrati in Italia, di mettere in pratica le loro conoscenze a vantaggio dei bambini sordi italiani»: così Roberto Wirth, presidente del CABSS (Centro Assistenza per Bambini Sordi e Sordociechi), parla con orgoglio della borsa di studio “Fulbright – Roberto Wirth”, dedicata a chi aspira a diventare un professionista in àmbito di sordità infantile, in particolare lavorando per il benessere dei bambini sordi in età prescolare. Il 28 febbraio è la scadenza del nuovo bando

Bimbo con la mano sull'orecchio destroÈ dal 1992 che non manca all’appuntamento la borsa di studio Fulbright – Roberto Wirth, dedicata a chi aspira a diventare un professionista nell’àmbito della sordità infantile, in particolare lavorando per il benessere dei bambini sordi in età prescolare.
Anche quest’anno, infatti, Roberto Wirth, presidente della ONLUS CABSS (Centro Assistenza per Bambini Sordi e Sordociechi) e la Commissione Fulbright per gli Scambi Culturali tra l’Italia e gli Stati Uniti hanno pubblicato il bando per l’anno accademico 2018-2019, rivolto a cittadini italiani iscritti almeno al secondo anno di università o in possesso di un titolo di laurea. Il vincitore studierà presso l’Università statunitense Gallaudet a Washington.

«Nel corso di venticinque anni – sottolinea Roberto Wirth – molti brillanti giovani sordi hanno avuto l’opportunità di formarsi negli Stati Uniti e, una volta rientrati in Italia, di mettere in pratica le loro conoscenze a vantaggio dei bambini sordi italiani. Ogni ex borsista è, quindi, un fiore all’occhiello per il settore della sordità infantile e questo è per me motivo di grande orgoglio».
«Favorire una buona salute mentale e un benessere psicologico – aggiunge Stefania Fadda, che dirige il CABSS – significa collaborare con professionisti adeguatamente formati negli àmbiti psicologico ed educativo. È quindi un valore aggiunto, quando ad occuparsi dell’educazione dei bambini sordi sono professionisti essi stessi sordi, in grado di comprendere empaticamente i bisogni dei piccoli».

Questa borsa di studio ha origine nel 1992, come accennato, per volontà di Wirth, sordo profondo dalla nascita e da sempre sensibile alle particolari esigenze dei bambini sordi. L’iniziativa fa parte del Programma Fulbright, ideato nel 1946 dal senatore statunitense J. William Fulbright e oggi ritenuto il più antico e vasto programma governativo nell’ambito degli scambi culturali nel mondo. (S.B.)

Per candidarsi alle selezioni della borsa di studio Fulbright – Roberto Wirth, è necessario compilare la domanda di partecipazione (scaricabile a questo link) e inviarla alla Commissione Fulbright entro e non oltre il 28 febbraio 2018. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@cabss.it (Stefania Fadda); Ufficio Stampa (Valentina Stella), valeangelastella@gmail.com.

Stampa questo articolo