Un portale per il turismo accessibile in Campania

«Il turismo è un diritto per tutti – sottolinea Mario Mirabile, presidente dell’UICI di Napoli – e per le persone con disabilità è un elemento fondamentale per l’inclusione sociale e per sentirsi un cittadino con pari dignità e pari opportunità»: è partendo da questa convinzione che la stessa UICI di Napoli, supportata dai Rotary Club della Provincia partenopea, risulta pienamente impegnata nell’attuazione del Progetto “Turismo Accessibile”, sostanziato innanzitutto in un portale web («Accessible Tourism Campania»), per la cui società di gestione è stato anche promosso uno specifico bando

Napoli, Certosa e Museo di San Martino

La Certosa e il Museo di San Martino a Napoli

«Il turismo – dichiara Mario Mirabile, presidente dell’UICI di Napoli (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) – è una delle più importanti conquiste del genere umano. La libera circolazione delle persone, gli incontri, la conoscenza reciproca e l’approfondimento culturale sono la base della necessaria evoluzione della nostra civiltà, per consolidare sempre di più la convivenza tra popoli diversi, la libertà e la pace. Il turismo è un diritto per tutti e per le persone con disabilità è un elemento fondamentale per l’inclusione sociale e per sentirsi un cittadino con pari dignità e pari opportunità come ogni altro».
È partendo da queste convinzioni che la stessa UICI di Napoli ha dato la propria disponibilità a gestire il portale «Atcampania.com» («Accessible Tourism Campania.com»), dedicato appunto al turismo per tutti e donato dai Circoli dei Rotary Club della Provincia di Napoli, promotori anche del Progetto Turismo Accessibile. Una serie di azioni, dunque, che vogliono essere lo strumento per sostenere il turismo delle persone con disabilità a Napoli e Provincia.

«La finalità ultima del progetto – come affermano congiuntamente i dirigenti dell’UICI e i rappresentanti dei Rotary Club che hanno finanziato il portale – è segnatamente la promozione dell’accessibilità, ossia l’eliminazione delle barriere architettoniche, culturali e sensoriali, condizione indispensabile per consentire la fruizione di spazi, beni e servizi da parte di tutte le persone, indipendentemente dalle condizioni personali, sociali, economiche e di qualsiasi altra natura che possano limitare tale fruizione».

«Il turismo accessibile – viene ulteriormente sottolineato dall’UICI partenopea – rappresenta un argomento ancora poco diffuso presso gli operatori turistici di Napoli e di tutta la Regione Campania, pur trattandosi di un tema dai rilevantissimi effetti per lo sviluppo del settore. È dunque necessario promuovere la consapevolezza di questa importanza presso gli operatori pubblici e privati e a tale scopo è in programma la promozione di seminari per gli operatori, tenuti da esperti, nonché di convegni e conferenze di presentazione delle attività, partendo dall’importante strumento del portale dedicato all’accessibilità di strutture, servizi ed eventi. Per dare pertanto il via alla start-up da noi immaginata, abbiamo anche ritenuto necessario costituire una società che gestisca in piena autonomia il percorso progettuale descritto». A tal proposito, va ricordato che ci sarà tempo fino al 23 marzo prossimo, per presentare eventuali manifestazione di interesse riguardanti la costituenda società di gestione del portale.

Il tutto è stato presentato alla stampa e agli interessati, durante un incontro organizzato il 7 marzo dall’UICI, in collaborazione con l’Assessorato ai Giovani del Comune di Napoli. Oltre ai dirigenti dell’UICI, erano presenti per l’occasione Alessandra Clemente, assessore ai Giovani del Comune di Napoli, Antonio Izzo, presidente di Federalberghi, Marilù Ferrara, in rappresentanza dei Rotary Club coinvolti e Francesco Rossi della Società Ingematica che ha realizzato il portale. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@atcampania.com; gianluca.fava@uicinapoli.it.

Stampa questo articolo