Parte un progetto all’insegna della vita autonoma e della cittadinanza attiva

Un bed&breakfast solidale, appartamenti dove sviluppare una vita autonoma, orti sociali: consiste sostanzialmente in questo l’innovativo progetto denominato “LalunaNuova 2.0” e sostenuto dalla Regione Friuli Venezia Giulia, che verrà presentato il 10 marzo, con la posa della prima pietra, dall’Associazione friulana LaLuna, presso la propria sede di Casarsa della Delizia (Pordenone). «Con le nuove strutture – spiegano da LaLuna – potremo ampliare i nostri orizzonti nel sostegno alle persone, con una particolare attenzione ai progetti di vita autonoma e cittadinanza attiva»

Giovane donna con disabilità alla finestra insieme a un amicoUn bed&breakfast solidale, appartamenti dove sviluppare una vita autonoma, orti sociali: consiste sostanzialmente in questo l’innovativo progetto LalunaNuova 2.0, che verrà presentato sabato 10 marzo dall’Associazione friulana Laluna, presso la propria sede di Casarsa della Delizia, in provincia di Pordenone (Via Runcis, 59, ore 10.30).

«Questo progetto – spiegano da LaLuna -, sostenuto dalla Regione Friuli Venezia Giulia, prevede l’espansione e la riorganizzazione dei nostri spazi strutturali, con l’obiettivo di fronteggiare esigenze sempre più diversificate e integrare le persone con disabilità nella comunità friulana. Le nuove strutture, infatti, permetteranno di ampliare i nostri orizzonti nel sostegno alle persone, con una particolare attenzione ai progetti di vita autonoma e cittadinanza attiva».

Alla cerimonia di posa della prima pietra del 10 marzo parteciperanno Sergio Bolzonello, vicepresidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Maria Grazia Santoro, che nella stessa è Assessore alle Infrastrutture e al Territorio, Lavinia Clarotto, sindaco di Casarsa della Delizia, Roberto Orlich, direttore dei Servizi Socio-Sanitari dell’AAS 5 (Azienda per l’Assistenza Sanitaria) Friuli Occidentale ed Elvis Santin, vicepresidente dell’ANCE Pordenone Trieste (Associazione Nazionale Costruttori Edili). (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: associazione.laluna@gmail.com.

Stampa questo articolo