Sforzi quasi raddoppiati per la ricerca sulla sclerosi multipla

«Vincere la sclerosi multipla richiede il forte impegno di tutti e non solo di chi vive con la malattia. Proprio per questo abbiamo portato il Bando da 3 a 5 milioni, augurandoci di spingere così anche le Istituzioni, le imprese e la società civile tutta a essere più partecipi nella lotta a questa malattia»: lo dichiara Mario Alberto Battaglia, presidente della FISM, la Fondazione che affianca l’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), presentando il Bando 2018 per la ricerca, inserito anch’esso nella campagna “#Smuoviti”, con cui l’AISM sta festeggiando il proprio cinquantennale

Emily, donna inglese con la sclerosi multipla

Emily è una donna inglese con la sclerosi multipla, malattia cronica, imprevedibile e spesso progressivamente invalidante, che è una delle più gravi del sistema nervoso centrale, e che colpisce maggiormente proprio le donne, in un rapporto di 2 a 1 rispetto agli uomini

«In linea con #SMuoviti la campagna di azione lanciata quest’anno dall’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) per il proprio cinquantennale, chiediamo a tutti di agire concretamente, di “smuoversi”, per aiutarci a combattere la sclerosi multipla. Negli ultimi vent’anni questa malattia è quella per cui la ricerca ha ottenuto i migliori successi e determinato i maggiori cambiamenti nella realtà delle persone. Ad oggi ci sono ancora tanti progetti da finanziare, progetti fondamentali per la qualità di vita delle persone con sclerosi multipla. Abbiamo bisogno di infrastrutture, di un registro di malattia, di trovare soluzioni per la sclerosi multipla pediatrica e per quella progressiva, di continuare le sperimentazioni con le cellule staminali e di poter lavorare sulla genetica. Solo per i progetti speciali che abbiamo in corso siamo già impegnati per altri 5 milioni di euro. Per non parlare delle richieste di progetti che annualmente ci arrivano con il bando e per i progetti speciali futuri già pianificati».
Così Mario Alberto Battaglia, presidente della FISM, la Fondazione Italiana Sclerosi Multipla che opera a fianco dell’AISM, presenta il nuovo Bando lanciato per il 2018, che prevede 5 milioni di euro di finanziamenti, ovvero due in più rispetto agli anni scorsi, segnale particolarmente forte di un aumentato impegno.

«Vincere la sclerosi multipla – sottolinea ancora Battaglia – è una sfida che richiede il forte impegno di tutti e non solo di chi vive con la malattia. Proprio per questo abbiamo deciso di aumentare il nostro sforzo e di portare il Bando FISM 2018 da 3 a 5 milioni. Si tratta di un gesto che mi auguro spinga anche Istituzioni, imprese e la società civile tutta a essere più responsabili e partecipi nella lotta a questa malattia, che purtroppo fa segnare una diagnosi ogni tre ore». (S.B.)

A questo link è disponibile un ampio approfondimento sul Bando FISM 2018 e più in generale sull’impegno di AISM e FISM per la ricerca sulla sclerosi multipla. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Ufficio Stampa e Comunicazione AISM (Barbara Erba), barbaraerba@gmail.com.

Stampa questo articolo