La dimensione terapeutica della musica nella disabilità visiva

È promosso dall’Associazione Bambini in Braille, in collaborazione con la struttura ospitante, il seminario “La dimensione terapeutica della musica nella disabilità visiva. Riflessioni e simulazioni operative per docenti ed operatori museali”, in programma per il pomeriggio di oggi, 9 aprile, al Conservatorio Luca Marenzio di Brescia. A condurlo sarà il musicoterapeuta Renato Pantaleo, responsabile del Servizio di Musicoterapia presso l’Istituto Regionale per Ciechi Florio Salamone di Palermo, nonché supervisore del percorso di Musicoterapia della stessa Associazione Bambini in Braille

Note musicali

È promosso dall’Associazione bresciana Bambini in Braille, in collaborazione con la struttura ospitante, l’interessante seminario intitolato La dimensione terapeutica della musica nella disabilità visiva. Riflessioni e simulazioni operative per docenti ed operatori museali, in programma per il pomeriggio di oggi, lunedì 9 aprile, presso il Conservatorio Luca Marenzio di Brescia (ore 16-20).
A condurlo sarà il musicoterapeuta Renato Pantaleo, responsabile del Servizio di Musicoterapia presso l’Istituto Regionale per Ciechi Florio Salamone di Palermo, nonché supervisore del percorso di Musicoterapia della stessa Associazione Bambini in Braille.

Durante la prima parte del seminario si affronteranno i seguenti temi: ruolo della vista nello sviluppo neuropsichico e armonizzazione della struttura funzionale in presenza di deficit dell’analizzatore visivo; risposte emotive sbilanciate; integrazione spazio-temporale e integrazione sociale; le sintonizzazioni come strategie per l’autostima e definizione del sé nella persona ipo e non vedente; improvvisazione clinica; sintonizzazioni perfette e imperfette; empatia sonora.
Nella seconda parte, invece, sono previste alcune esperienze pratiche di improvvisazione musicale con persone non vedenti e vedenti bendate. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@bambiniinbraille.it.

Stampa questo articolo