Da segregato in casa a cittadino consapevole

Un nuovo incontro di grande spessore è stato promosso dalla CPD di Torino (Consulta per le Persone in Difficoltà), nell’àmbito dei festeggiamenti per il proprio trentennale. Si tratta del convegno “Da segregato in casa a cittadino consapevole. L’autonomia e l’autodeterminazione delle persone con disabilità”, che si terrà il 17 aprile nel capoluogo piemontese, proponendo un’ampia riflessione sui cambiamenti sociali, politici e culturali degli ultimi trent’anni, che consentiranno di ripercorrere le battaglie e i risultati raggiunti, grazie alla presenza di relatori particolarmente autorevoli

Disegno di omino in carrozzina che spezza le cateneUn nuovo incontro di grande spessore è stato promosso dalla CPD di Torino (Consulta per le Persone in Difficoltà), nell’àmbito dei festeggiamenti per il proprio trentennale.
Si tratta del convegno intitolato Da segregato in casa a cittadino consapevole. L’autonomia e l’autodeterminazione delle persone con disabilità, che si terrà nella mattinata del 17 aprile presso la Sala Codici del Museo Nazionale del Risorgimento Italiano (Piazza Carlo Alberto, 8, Torino), proponendo un’ampia riflessione sui cambiamenti sociali, politici e culturali degli ultimi trent’anni, che consentiranno di ripercorrere le battaglie e i risultati raggiunti, grazie alla presenza di numerosi relatori particolarmente autorevoli.

Divisa in tre sessioni, la giornata si aprirà sul tema Italia – Europa: il progresso va di pari passo con la tutela dei diritti?, avvalendosi innanzitutto della partecipazione di Jorge Araya, segretario del Comitato ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, l’organismo preposto al monitoraggio dell’applicazione nei vari Stati della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità.
Saranno poi presenti Brando Benifei, parlamentare europeo, vicepresidente dell’Intergruppo Parlamentare sulla Disabilità; Carlo Giacobini, responsabile del Servizio HandyLex.org e direttore editoriale della nostra testata «Superando.it»; Giampiero Griffo, membro del Consiglio Mondiale di DPI (del disabled Peoples’ International).

Nella seconda sessione, invece si parlerà di Terzo Settore, Istituzioni e Territorio: un dialogo in evoluzione, con Consuelo Agnesi, architetto e professionista per l’accessibilità e la progettazione inclusiva, componente di CERPA Italia (Centro Europeo per la Ricerca e la Promozione dell’Accessibilità); Claudio Foggetti, responsabile del Servizio Passepartout del Comune di Torino; Silvio Magliano, presidente del Centro Servizi Vol.To; Roberto Romeo, presidente nazionale dell’ANGLAT (Associazione Nazionale Guida Legislazioni Andicappati Trasporti) e vicepresidente nazionale della FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali delle Persone con Disabilità).

La terza sessione, infine, sarà dedicata al tema Ancora figli di un dio minore nell’arte, nella cultura e nello sport?, e moderata dal regista Paolo Severini. Vi interverranno Claudio Arrigoni, giornalista del blog InVisibili del «Corriere della Sera.it», Carlotta Bisio, attrice teatrale, Alessandro Meluzzi, psichiatra e scrittore, Anna Pironti, responsabile del Capo Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli e Patrizia Saccà, atleta, componente della Giunta Nazionale del CIP (Comitato Italiano Paralimpico).

Da segnalare anche che per l’organizzazione del convegno la CPD si è avvalsa della collaborazione dell’ADN (Associazione Diritti Negati) e dell’altra Associazione Volere Volare. (S.B.)

Saranno garantiti sia il servizio di interpretariato in LIS che la sottotitolazione. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: uffstampa@cpdconsulta.it.

Stampa questo articolo