Una nuova Comunità Residenziale ad Ancona

Ospiterà nove persone con disabilità, la nuova Comunità Residenziale Il Samaritano, inaugurata ad Ancona dal Centro Papa Giovanni XXIII, ed è il frutto di un progetto nato dalla collaborazione con l’IKEA di Ancona, che ha contribuito attivamente, fornendo gli arredi e progettando gli spazi della nuova struttura, per renderli accoglienti e funzionali. «Sentirsi a casa è quello che vogliamo per i nostri ospiti – dichiara Giorgia Sordoni, vicepresidente del Centro Papa Giovanni XXIII – e questa non è una struttura, ma un appartamento dove vivere e condividere momenti belli delle proprie vite»

Ancona, maggio 2018, inaugurazione Comunità Residenziale Il Samaritano

L’incontro inaugurale della nuova Comunità Residenziale Il Samaritano di Ancona

Destinata ad ospitare nove persone con disabilità, la nuova Comunità Residenziale Il Samaritano, inaugurata nei giorni scorsi ad Ancona dal Centro Papa Giovanni XXIII, è il frutto di un progetto nato dalla collaborazione con l’IKEA di Ancona, che ha contribuito attivamente, fornendo gli arredi e progettando gli spazi della nuova struttura, per renderli accoglienti e funzionali.
«Sentirsi a casa è quello che vogliamo per i nostri ospiti – ha dichiarato durante l’inaugurazione Giorgia Sordoni, vicepresidente del Centro Papa Giovanni XXIII – e questa non è una struttura, ma un appartamento dove vivere e condividere momenti belli delle proprie vite».
Già dal 2010, per altro, l’IKEA di Ancona si è schierata in varie occasioni al fianco del Centro Papa Giovanni XXIII, ad esempio provvedendo ai mobili per le Comunità Residenziali e fornendo i materiali con cui le persone del Centro realizzano i propri prodotti, ospitati poi presso il negozio stesso.
«Come IKEA di Ancona – ha sottolineato lo Store Manager Ivan Gardini – ci sentiamo particolarmente vicini al Centro Papa Giovanni XXIII, che quotidianamente assiste persone che vivono una condizione di disabilità, garantendo loro un ambiente sicuro e accogliente». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: s.baldi@centropapagiovanni.it (Sara Baldi).

Stampa questo articolo