- Superando.it - http://www.superando.it -

ANFFAS: tre giorni di dibattito e festa, per “60 anni di futuro”

Autorappresentante ANFFAS del Movimento "Io Cittadino!"

Un’autorappresentante componente del Movimento “Io Cittadino!”, nato all’interno dell’ANFFAS. Un nutrito gruppo di autorappresentanti prenderà parte attiva, nei prossimi giorni, ai lavori assembleari dell’Associazione

Domani, 14 giugno, e venerdì 15, con un’importante “coda” prevista per sabato 16, saranno i giorni dell’Assemblea Nazionale dell’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), in programma a Roma, presso il Centro Congressi Frentani (Via dei Frentani, 4), evento che quest’anno rivestirà una particolare importanza, alla luce dell’importante ricorrenza coincidente con questo 2018: l’ANFFAS, infatti, nasceva sessant’anni fa, ed esattamente il 28 marzo 1958.
Sarà quindi una tre giorni contraddistinta da un calendario particolarmente ricco di appuntamenti, con la partecipazione di oltre quattrocento persone, provenienti da tutta Italia, tra i quali in prima fila il nutrito gruppo degli autorappresentanti componenti il Movimento Italiano Io Cittadino*, formato da persone con disabilità che, adeguatamente formate e supportate, prenderanno parte attiva ai lavori assembleari, per confrontarsi, dibattere e condividere nuove ed importanti sfide.

Nel corso dell’Assemblea si procederà anche al rinnovo delle cariche associative (tra cui quelle dei componenti il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Nazionale Dopo di Noi ANFFAS), ma le giornate saranno soprattutto l’occasione per fare il punto su una serie di temi, e centrale, in tal senso, sarà il riferimento alla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità – come declinata nella nuova linea associativa dell’ANFFAS, sintetizzata nel Manifesto ANFFAS di Milano del 2016 – e alla sua concreta attuazione.
E ancora, verrà presentata in anteprima una versione evoluta del sistema Matrici ecologiche e dei sostegni, adattata per far sì che le famiglie e gli operatori possano disporre di un sistema informatico molto avanzato, per realizzare la valutazione multidimensionale e predisporre i progetti di vita previsti dalla Legge 112/16, sul “Durante e Dopo di Noi”.
Una specifica sessione di discussione e approfondimento sarà quindi dedicata alla Riforma del Terzo Settore (Legge 106/16) e alle modifiche che essa impone all’intero mondo del Terzo Settore di cui l’ANFFAS è naturalmente parte.
Per quanto riguarda poi il piano formativo che ha visto impegnata l’Associazione in questi anni, esso verrà ulteriormente implementato e sarà il Consorzio Nazionale La Rosa Blu a presentarne i dati e le novità durante l’Assemblea, mentre la relazione della Fondazione Nazionale Dopo di Noi ANFFAS sarà incentrata sulla concreta attuazione della Legge 112/16 e sulle luci e le ombre registrate fino ad oggi sui vari territori, ma anche sulle esperienze positive già attivate. A tale scopo, saranno di particolare interesse i dati raccolti attraverso un apposito questionario.
I presenti a Roma, infine, verranno invitati ad annotare le date del 28, 29 e 30 novembre prossimi, per partecipare all’evento/convegno conclusivo delle celebrazioni del sessantennale, intitolato ANFFAS 60 anni di futuro. Le nuove frontiere delle disabilità intellettive e disturbi del neuro sviluppo, incontro che si svolgerà presso la Nuova Fiera di Roma, articolandosi su sessioni plenarie e workshop, con la partecipazione di autorevoli esperti nazionali e internazionali.

Dopo la cena conviviale celebrativa del 15 giugno, nella mattinata di sabato 16, sempre presso il Centro Congressi Frentani, ci sarà l’importante “coda” di cui si è detto inizialmente, vale a dire un evento pubblico dedicato esclusivamente al sessantennale, che ha ottenuto il Patrocinio della Camera dei Deputati e che sarà presentato dall’attore e conduttore televisivo Flavio Insinna, da tempo vicino all’ANFFAS, già conduttore della Giornata Nazionale della Disabilità Intellettiva del 30 marzo 2016 al Palazzo del Quirinale e già protagonista, insieme a Vanessa Incontrada, del film TV del 2016 La classe degli asini. Quest’ultimo – come avevamo segnalato a suo tempo – è liberamente ispirato alla vicenda reale di Mirella Antonione Casale, insegnante e mamma di una bimba con disabilità, fondatrice dell’ANFFAS delle Valli Pinerolesi, che nella seconda metà degli Anni Sessanta cominciò una strenua lotta per il riconoscimento del diritto ai ragazzi con disabilità di frequentare insieme agli altri bambini la scuola dell’obbligo. Fu anche grazie alle battaglie di Antonione Casale che il Parlamento Italiano approvò nel 1977 la Legge 517, che cancellò definitivamente le aberranti “classi speciali”.
«Sarà un grande spettacolo – sottolinea Roberto Speziale, presidente nazionale dell’ANFFAS – che ripercorrerà tutta la nostra storia associativa e allo stesso tempo la Storia del nostro Paese e del contesto internazionale, dai suoi inizi ai giorni nostri, attraverso testimonianze dirette, video, racconti ed esperienze». (S.B.)

*Il Movimento Io Cittadino! è nato dal progetto denominato Io Cittadino! Strumenti per la piena partecipazione, cittadinanza attiva e Self Advocacy delle persone con disabilità intellettiva e/o relazionale, promosso nel 2015 dall’ANFFAS, con il finanziamento del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Sarà possibile avere tutti gli aggiornamenti sui vari eventi promossi dall’ANFFAS nei prossimi giorni tramite i canali social dell’Associazione (Facebook e Twitter), ricordando anche che, a partire dalla prossima settimana, saranno disponibili nel sito ANFFAS gli atti dei lavori assembleari. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: comunicazione@anffas.net.